domenica 25 agosto 2013

Roviano: a Michael Jackson il tributo di quest'anno della Comunità Giovanile

Anche quest'anno la Comunità Giovanile di Roviano ha saputo regalare un tributo ai massimi livelli ad un grande mito della musica., offrendo come sempre il meglio delle esibizioni e curando nei minimi dettagli la tematica dedicata al personaggio con mostre di cimeli, mercatini di gadget, dischi e rarità tutte dedicate al personaggio centrale del tributo 2013: Michael Jackson. Il Re del Pop è stato scelto quest'anno, e l'angolo tra il corso centrale di Roviano e Piazza della Libertà, adiacente alle scuole elementari del comune in provincia di Roma è stato trasformato in un grande mausoleo dedicato al mito di Gary: foto, immagini, proiezioni, un plastico del ranch di Neverland, sagome di Michael dietro tendoni illuminati, manichini che riproducono i suoi movimenti ed i suoi travestimenti, i testi di "Billy Jean" ed altre canzoni note scritte su lunghi cartelli attaccati ai muri, gigantografie. Pochi metri di strada davanti ai quali si apre il tendone di un teatro: tutto richiama a Michael Jackson. Si respira ovunque l'esperienza della vita di questa star della musica, unica nel suo genere. L'allestimento riesce a rendere palpabile la presenza di Michael quasi ovunque. E' sempre così sin dalla prima volta qui a Roviano. Dal primo tributo organizzato dall'Associazione Culturale della "Comunità Giovanile". Ogni anno un grande lavoro, che rende per due giorni il comune laziale ideale sede di commemorazione per tutti i fans italiani che si ritrovano qui di volta in volta, giunti da ogni dove a ricordare con tributi musicali, esposizioni e quant'altro via via i vari John Lennon, Rino Gaetano, Cyd Barreth, Freddy Mercury, Ivan Graziani, Augusto D'Aolio (Nomadi), Lucio Battisti, Bob Marley, Jim Morrison, Fabrizio De André, Kurt Cobain e ora il grande Michael. Tutti scomparsi maledettamente troppo presto, tutti ricordati sempre con grande affetto e competenza dalla Comunità Giovanile, che si incarica di fare sempre un duro lavoro per la ricerca di oggetti e cimeli e di contatto delle grandi tribute band. A Roviano le tribute che si sono presentate sono da sempre le migliori per ogni artista che si è voluto ricordare, è quest'anno non si poteva non cercare ancora una volta i migliori: Kings Of The Pop e sopratutto Smooth Criminals.
Venerdì 23 e sabato 25 agosto,questi due gruppi hanno infiammato la platea di Piazza della Libertà, gremita di fan di tutte le età del "Re". Sbalorditivo (questo il termine giusto e consentiteci di passarlo), lo spettacolo degli Smooth Criminals, che da anni riportano sui palchi di tutta Italia la magia degli spettacoli live (anche se in formato ridotto) di Michael Jackson: uno spettacolo per occhi ed orecchie. Uno show per rivivere un sogno. Una band composta da undici artisti, ad accompagnare Roy Paladini, impersonator di Michael Jackson degli Smooth Criminals. Una voce definita tra le più fedeli a quella originale di Michael, abilità dei movimenti e coreografie assolutamente all'altezza del leggendario Re del Pop.
Collaboratore come ballerino insieme a uno dei coreografi di Janet Jackson. Animatore nel Tour Music House "Subaloba" del Dj Joy T.Vanelli. Vocalist delle più importanti discoteche d'Italia.  Roy Paladini matura esperienze professionali con la band della cantante Fiordaliso, canta al fianco del personaggio televisivo Franco Oppini e partecipa come ospite in numerose manifestazioni televisive. Insieme a lui quattro dancer eccezionali che rispondono ai nomi di Morris Maffeis, Claudio Bettineschi, Antonio Di Giovanni e Morris Balzano. La parte musicale è affidata ad Emanuele Bresciani (chitarra solista), Emanuele Acerbis (batteria), Michele Battaglini (basso elettrico) e Valerio Acerbis (tastiere e sequencer) ad aggiungersi anche alle coriste Anna Scalvini ed Eleonora Gasparini.
Numerosi gli effetti scenici ed i cambi di costume, che fanno di questo gruppo uno spettacolo completo di danza, musica, teatralità...nello stile Michael Jackson.
Roy è una forza della natura e lo si capisce dal suo ingresso sulle note di "They Don't Care About Us". Apertura davvero esplosiva alla quale fanno seguito altri pezzi memorabili tra i quali "I Wanna Be Startin' Somethin'", "I Just Can't Stop Lovin' You","Smooth Criminal","Pretty Young Thing". Il pubblico di Roviano è entusiasta della performance degli Smooth Criminals fin qui: arriva il momento per un tuffo nel periodo dei Jackson Five,  con i grandi successi di Michael con i suoi fratelli, come "I'll Be There" ed "ABC" due dei grandi successi dei J5. Poi c'è spazio anche per ricordare "We Are The World" brano memorabile in favore dell'Africa che aveva Michael Jackson tra gli autori, cantato per l'occasione dalle coriste Anna Scalvini ed Eleonora Gasparini. Dopo di che arriva il momento di tuffarsi nel meraviglioso mondo di "Thriller", l'album dei record: anticipato dal filmato proiettato sullo schermo del grande intro al video realizzato da John Landis; sul palco vengono posizionati loculi e tombe di cartapesta, il fumo avvolge come una fitta nebbia il palco per intero, illuminato da luci bianche e blu. Roy giunge sul palco con una maschera da lupo mannaro, inseguito dai suoi ballerini zombie che poi scenderanno dal palco e si tufferanno in mezzo alla gente. E' la magistrale esecuzione di Macaulay Culkin del film "Mamma Ho Perso l'Aereo") e da fontane di fuoco sul palco che generano un grande effetto scenotecnico. Un mastodontico spettacolo che si concluderà poi sulle note di "The Man in The Mirror", una delle più straordinarie canzoni mai scritte da Michael come detto da Emanuele Sberna all'atto conclusivo dei ringraziamenti a tutti coloro che hanno reso possibile questo straordinario evento.
"Thriller", alla quale farà seguito "Beat It", sempre dello stesso album con Roy cambiato di abito e i ballerini vestiti come una gang all'atto di inscenare una rissa sul palco. Dopo una breve pausa, altro cambio d'abito: uno smocking nero, un cappello bianco da gangster, il guanto argentato e ricoperto di perline che Michael usava spesso indossare. Il vestito è quello di "Billie Jean", la cui esibizione è anticipata da un lungo intro musicale, sulle cui note Roy balla una splendida coreografia che manda il pubblico in visibilio. Seguiranno poi "The Way You Make Feel" cantato in coppia con Eleonora Gasparini, "Black Or White" anticipato anch'esso dall'intro del video originale (che vedeva protagonista all'epoca) e da fontane di fuoco sul palco che generano un grande effetto scenico. Un grandissimo spettacolo che si concluderà poi sulle note di "The Man in The Mirror", una delle più straordinarie canzoni mai scritte da Michael come detto da Emanuele Sberna all'atto conclusivo dei ringraziamenti a tutti coloro che hanno reso possibile questo straordinario evento.
D.C.

2 commenti:

cristiana ha detto...

.... volevo fare i miei complimenti , alla corale che venerdi sera, ha meravigliosamente eseguito, delle canzoni di michael, e ai king of pop tribute band, x averci portato michael sul palco, con rispetto amore e passione. ... essendo una vera jecksoniana, e conoscendo a memoria ogni singolo passo, ogni singola mossa e tutte le sue canzoni a memoria, sono rimasta esterefatta da questo tributo. Emozioni e lacrime sono rimaste con noi fino alla fine. ... l‘essenza di michael é apparsa sul palco dal primo all‘ultimo secondo. ... un grazie immenso ai king of pop, x il grandissimo rispetto con cui hanno rappresentato il nostro angelo più bello. .. mi dispiace che questo rispetto, sia mancato nel tributo di sabato sera. ... xche far passare michael x una persona volgare, con versi e movimenti inverosimili è davvero vergognoso! Comunque la persona più importante ,rimane sempre michael, il suo messaggio deve essere sempre presente, chi ci regala anche solo un secondo di lui, nel rispetto più totale, avrà sempre il nostro grazie più grande. ....

Roma Suona Bene ha detto...

Conosciamo i King Of Pop, e sappiamo che sono bravissimi.Un tributo degno della fama che li accompagna. E' stato un peccato non poter assistere alla loro esibizione di venerdì. Quanto agli Smooth Criminals, comprendiamo il tuo punto di vista e rispettiamo la tua opinione che ti ringraziamo di avercela comunicata, ma va comunque considerato che gli Smooth Criminals rappresentano ad ogni modo uno dei migliori tributi a Michael Jackson, e questo non lo diciamo noi ma i numerosi premi e riconoscimenti ottenuti in vari concorsi e le recensioni positive da molti critici di giornali autorevoli. Certo rendere un tributo a Michael non è cosa facile per nessuno, su questo siamo d'accordo, perché Michael era unico ed inimitabile, non ce ne sarà mai un altro come lui e nessun tributo potrà mai accontentare il 100% dei fan. Grazie ancora del tuo contributo.