lunedì 30 settembre 2013

"Hello" nuovo singolo dei The Ties presentato al Traffic

Matt dei The Ties
Con loro sul palco del Traffic Random e Malrovescio per una serata ad alto contenuto rock

Il rock veste tante forme, un po’ come la vita. Prima di imparare a capire il rock, si passa sempre per la musica alla radio commerciale. Poi alla fine, disgustato capisci che devi spegnere la radio e mettere qualche vecchio disco in vinile oppure la versione cd di qualche album che ha fatto la storia della musica. Matt , Icaro , The Great L e Gab ovvero i The Ties hanno fatto questo un giorno e da allora tutto è cambiato. Qualche anno dopo la stessa cosa l’avrebbero fatta i più giovani Random, che messi li con un buon giradischi, una collezione di dischi di alta qualità e qualche ottimo consiglio dai propri genitori, avrebbero in seguito conosciuto la musica vera! Molti anni dopo si incontrano sul palco, con una concezione diversa del rock: spensierata, grintosa e spumeggiante per quanto riguarda i Random, elegante, posata e glamour per quanto concerne i The Ties. In mezzo una terza via maestra: quella aspra e ruvida, quasi dannata dei Malrovescio.
The Ties si sa, ci hanno abituato ad ottime performance, non hanno affatto sfigurato ad “Anime di Carta” lo scorso anno, arrivando tra i primi posti. Ma è solo un piccolo assaggio della loro breve ma dignitosissima carriera. Hanno conosciuto i migliori palchi live della Capitale: Locanda Blues, Blackout rock club, Contestaccio, Caffè Latino, Sinister Noise, Circolo degli Illuminati… Hanno partecipato a festival musicali come il Free Music Fest di Viterbo, esibendosi in piazza San lorenzo davanti ad una piazza gremita; al "Gandolfest" arrivando alle finali.
Sono stati anche protagonisti di un Tour in Finlandia, precisamente ad Helsinki, dove hanno avuto un ottimo riscontro da parte del pubblico e dove sono stati già ricontattati per un ritorno.
Sono stati selezionati anche per partecipare alla compilation di Rock Style con due brani, "The Turning" e "Tricks & Sicks". E la loro vita artistica è appena cominciata … chissà dove li porterà!
Francesco Lanari dei Malrovescio
Nel frattempo possiamo dire che è passata per il Traffic dove hanno avuto modo di presentare “Hello” il loro nuovo brano. Matt, ha ammesso che è stato provato solo “una volta” nel pomeriggio dello stesso giorno del concerto. 
Il pubblico ha dimostrato di gradire. “Hello” è un brano pop rock che risente delle influenze garage, tipiche della musica dei The Ties, da sempre ispirata a Beatles, Rolling Stones, Who, Pink Floyd, Black Sabbath, Oasis, Nirvana, Jet, Kasabian, Wolfmother...per dirla breve la crème de la crème del rock di tutta la storia del rock.
Icaro Paterna dei The Ties
Quanto ai Random, vi è da dire che hanno piacevolmente sorpreso. Sono molto giovani ma anche determinati. Loro musica è per lo più pop punk. Risentono molto l’influenza dei Green Day e di altri gruppi simili ed hanno nella cantante e chitarrista Miriam Kay un punto di forza, vista la sua voce molto “rock” accattivante per un certo senso. Non sono timidi, anche se lo sembrano, anzi il palco è la loro strada, gli strumenti i fedeli compagni di viaggio. 
Simone Bellucci è la seconda voce del gruppo, oltre che altro chitarrista, poi c’è Valerio Reicano al basso, e Roberto Gasparri alla batteria. Sentiremo ancora parlare di loro …
Miriam Kay dei Random
I Malrovescio, invece rappresentano un po’ la faccia cattiva del rock: quella votata alla perdizione, alla nevrosi, al delirio. Il nome Malrovescio, da il senso stesso della loro musica: un ceffone, o forse anche di peggio. Un pugno allo stomaco, un colpo in testa… o forse più semplicemente come dicono loro un disturbo audio/video della realtà tangibile. La loro musica è potente, stridula e profonda. I loro brani sono abbastanza corti, ma riescono a disturbare in una maniera inverosimile: testi deviati, musica contorta. Un po’ un mondo rovesciato sottosopra, dove non si comprende più nulla. Brani come “Ritalin”, “M.M.” e “Made In China” rappresentano maggior mente la loro idea di musica: allucinata, contorta, controversa, ma per un certo verso anche visionaria. Il gruppo si compone di Francesco Lanari alla voce e alla chitarra, "Faber" Pallotta cori e chitarra, Emiliano Rufini, il “volto umano” dei Malrovescio, quello cioè dall’aspetto più rassicurante (naturalmente si scherza…) di questa rugginosa band e Riccardo al basso e seconda voce.

Serj Tankian in versione orchestrale in tour: tre tappe italiane Padova, Firenze e l'Auditorium di Roma

Ogni volta che ha toccato, da solista o coi suoi System Of A Down, suolo italiano ha sempre registrato il "tutto esaurito". Abbiamo il piacere e l'onore di annunciare le tre date che SERJ TANKIAN featuring Orchestra Filarmonica Italiana terrà nel nostro paese ad ottobre. Le città scelte sono: Firenze, Padova e Roma. SERJ TANKIAN eseguirà il suo "Elect The Dead Symphony" e "Orca Symphony" (quest'ultimo sarà pubblicato in versione "live" a giugno"). 
Tre appuntamenti imperdibili per tutti gli amanti della musica! Uno di questi riguarderà Roma con tappa all’ Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli in Viale Pietro de Coubertin 30 il prossimo sabato 5 ottobre 2013 alle ore 21.00 (apertura Cancelli: 20.30)
Prezzi dei biglietti in prevendita: €55,00 / €45,00 / €40,00 prevendita inclusa
Di seguito riportiamo anche le info relative agli altri concerti italiani di Serj Tankian

SERJ TANKIAN
featuring Orchestra Filarmonica Italiana
To perform his “ELECT THE DEAD SYMPHONY” and “ORCA SYMPHONY”

03.10 FIRENZE Teatro Comunale Corso Italia, 16, 50123 Firenze Telefono: 055 27791
04.10 PADOVA Gran Teatro Geox Via Giuseppe Tassinari, 35136 Padova Telefono:049 807 8685
Orari Firenze e Padova:
Inizio concerti: ore 21.00
Apertura porte: ore 19.30

Prezzi dei biglietti in prevendita per Firenze e Padova: €47,00 / €42,00 / €37,00 + diritti di prevendita

Il Liga presenta il suo nuovo libro all'Auditorium il 14 ottobre...aspettando l'uscita del suo ultimo disco "Mondovisione"

In attesa dell'uscita imminente di "Mondovisione", il nuovo attesissimo album del Liga, i fan romani si potranno godere un momento tutto particolare legato a lui. Luciano Ligabue  incontra i suoi lettori all'Auditorium. Un evento che ha già fatto impazzire i numerosi ammiratori del rocker di Correggio e ha dato il via alla caccia al tagliando d'invito all'evento, in cartellone per il 14 ottobre, nel celebre complesso di viale De Coubertin. Si parlerà in quell'occasione per parlare del  suo nuovo libro " La vita non è in rima" (frase contenuta nel testo della canzone "Ti Sento" del 2002) Ligabue ha già scritto altri libri e la sua carriera di scrittore viaggia parallela a quella di cantautore. Ferma allo stop la sua fortunata carriera di regista, peccato, visti i due bellissimi film che ha diretto, "RadioFreccia"(1998) e "Da Zero a Dieci"(2002)
Nel corso della sua attività letteraria, Luciano Ligabue ha affrontato vari generi dalle novelle popolari di "Fuori e dentro il borgo", la romanzo di fantascienza ("La neve se ne frega"), fino alla poesia("Lettere d'amore nel frigo") che raccoglie storie di personaggi che celano dietro, momenti della sua vita personale.
Questo suo ulitmo lavoro indaga la poetica di Ligabue, approfondisce pensieri, parole e  mondo sonoro del rocker di Correggio. 
Fresco di sei bagni di folla all'Arena di Verona per sei serate consecutive, con il suo ultimo singolo "Il Sale della Terra" che sta spopolando in radio il cui video ha superato 2,5 milioni di visite su YouTube, Luciano si dedica alla promozione del suo libro... in attesa che arrivi il 26 novembre Mondovisione!
Intanto arrivano anche prime indiscrezioni sul tour che farà seguito all'album "Mondovisione" stando a quanto riportato dal quotidiano "La Repubblica", sono state prenotate due date a San Siro (estate 2014) per Luciano Ligabue. Le date si dovrebbero svolgere entro il 15 luglio a causa dei lavori di rifacimento del riscaldamento del prato. Appena ci sarannovità per la data o le date romane, vi informeremo prontamente.
Ligabue presenta "La vita non è in rima"
Lunedì 14 ottobre
Auditorium Parco della Musica
Viale Pietro de Coubertin 30
00196 Roma



Ritorno alle origini per Claudio Baglioni, in concerto nella "sua" Centocelle

Non è un caso che questo ConVoiTour – il primo, dopo molto tempo, nel quale presenta in versione live alcuni delle nuove canzoni del progetto ConVoi - parte da Torino e attraversa varie piazze d'italia fino a giungere nella capitale.
L’ambizione della carovana di ConVoi (una vera e propria “compagnia viaggiante” nella quale tutto ciò che darà vita allo spettacolo – palco, luci, strumenti, amplificazione, tecnici, musicisti - viaggerà su gomma) è, infatti, quella di attraversare tutta l’Italia senza soste - la mattina si viaggia, il pomeriggio si allestisce, la sera si suona, la notte si smonta, la mattina dopo si riparte... - per provare a dare e a darsi la scossa.
Un tourbillon di note, parole ed emozioni, che ci ricorderà che la qualità del tempo è data da chi lo vive e che la carovana della vita ha tutt’altro passo e tutt’altro sapore se verso la nuova frontiera ci si muove con voi.
Quindi per gli appassionati e fans non mancate questo appuntamento a Roma....
CLAUDIO BAGLIONI in concerto
"ConVoi Tour 2013"
Mercoledì 23 ottobreore 20,30
Parco di Centocelle
Roma
Info e prevendita: Call Center TicketOne 892.101- LU-VE: 8-21, SA: 9-17,30, DO: chiuso
Posto Unico Intero Euro 35.00
Posto Unico Gruppi 4 pax Euro 30.00
Posto Unico Gruppi 6 pax Euro 25.00

domenica 29 settembre 2013

I Rock Circus saranno al Kill Joy il prossimo 3 ottobre.

Dopo il successone a STAZIONE BIRRA continua inarrestabile il tour 2013/14 del carrozzone errante con i suoi 5 giocolieri folli pronti a divertir folle a suon di cover rock dance revival 70 80!!!!!!!!!!!!!
Stavolta è il turno del Kill Joy, gran bel risto disco pub con ottima cucina e deliziose birre. L'ingresso come sempre è GRATIS.
Di questi tempi, non è cosa da poco!
RICCHE SORPRESE PER LA SERATA...NON POTETE MANCARE!!!!!
PRENOTATEEEEE !!!
PER INFO E PRENOTAZIONI 06.90211430 – 340.7946320
Oppure ai seguenti siti
http://www.killjoy.it/homepage/
http://www.rockcircusband.it/
http://www.myspace.com/rockcircus
ROCK CIRCUS LIVE @ KILL JOY
Giovedì 3 ottobre 2013 Ore 22.00
Killjoy
Via Appia Nuova, 1228
00178 Roma
Un ringraziamento speciale ad Enrico Muraro per la segnalazione!!!!

Luca Carboni presenta a Roma l'album “Fisico & Politico”

Torniamo a parlare di Luca Carboni. Giovedì 3 ottobre Luca Carboni sarà alla Feltrinelli Libri & Musica di Roma per presentare “Fisico & Politico”, album prodotto da Michele Canova che celebra i suoi trent’anni di carriera musicale con una tracklist che mette insieme alcuni dei suoi più grandi successi risuonati e riproposti in duetti inediti, più tre nuovi brani. Nell’album il cantautore bolognese duetterà con Alice, Biagio Antonacci, Franco Battiato, Samuele Bersani, Miguel Bosè, Cesare Cremonini, Fabri Fibra, Elisa e Jovanotti.
Incontro con Luca Carboni è previsto per le ore 18.00
Luca Carboni presenta “Fisico & Politico”
Feltrinelli Libri e Musica 
Via Appia Nuova, 427
Giovedì 3 ottobre 2013 ore 18.00
Ingresso libero
Info: 067804545

Serata tribute ad Annie Lennox egli Eurythmics al Roadhouse Music Pub di Nemi con i Nemethennox

Il tributo Italiano "NEMETHENNOX" (primo in Italia) é uno spettacolo dedicato ad una delle cantanti più affermate e talentuose dei fantastici anni '80. Ma lo show piacerà sicuramente anche a chi é da sempre affezionato a sonorità discomusic ed elettroniche sempre di quell'epoca magica, quegli anni indimenticabili della gioventù di molti di noi. L'esecuzione di brani straconosciuti come "Sweet Dreams" e "Angel" riprodotti con tutti i suoni e tonalità originale fanno di questo concerto un evento unico e profondamente diverso dal "già visto e sentito".
Notevole é anche la riproduzione di scenografia e costumi usati dalla vocalist Cinzia Nemeth per rendere lo show fedelmente riprodotto in ogni suo aspetto. 90 minuti di puro pop anni 80.
Il gruppo è composto da Dario Vero alle chitarre, Luca Fareri alla batteria, Marco Novielli alle tastiere, più un bassista molto particolare che risponde al nome di Gabriele Pizzuti. Già proprio lui, il grande Gabriele Pizzuti, direttore artistico del Roadhouse Music Club, già public relations manager di alcuni dei più importanti locali della Capitale (Stazione Birra, Radio Londra, Irish Village Roma ecc.) è anche co-fondatore di questo gruppo, che vede alla voce, l'impersonificazione italiana di Annie Lennox: la grande Cinzia Nemeth.
NEMETHENNOX - EURYTHMICS & ANNIE LENNOX TRIBUTE 
LIVE @ ROADHOUSE MUSIC PUB
Venerdì 4 ottobre 2013 ore 21.00
Roadhouse Music Pub
Via Dei Laghi Km. 15 
Bivio di Nemi (Roma) 

Live dei Sonix il 2 ottobre a Sotto Casa Di Andrea

Nell'ambito della manifestazione "We Are The Festival" evento-contest organizzato da Arteromaeventi.com, in collaborazione con il Sotto Casa di Andrea, Radio Città Aperta, 06 Live e OggiRoma e giunto oramai alla quinta edizione; il prossimo 2 ottobre sul palco di Dimmidisì (Sotto casa di Andrea) in Via dei Volsci, 126/b a Roma (zona S.Lorenzo), saranno di scena i favolosi Sonix. Sonix è un progetto pop-rock che esiste dal 2000 e che ha nella mescolanza geografica e musicale il punto di forza di tante esperienze diverse.All'attivo circa 250 concerti, un disco (MELTIN' POP, pubblicato nel 2009 dall'etichetta VideoRadio), 5 demo-cd autoprodotti, esperienze radiofoniche, televisive e pubblicitarie.
Una band che ha l'argento vivo nel corpo, dotata di energia e presenza scenica come poche altre band emergenti della Capitale. 
Capitanati dalla vocalist Patrizia Bruno, una vera tempesta sul palco, i Sonix sanno regalare performance notevoli, caratterizzate dalle forti emozioni che le loro esibizioni sanno regalare, grazie al loro affiatamento e alla grande intensità espressiva. Non sono passati inosservati alla passata edizione del contest "Anime di Carta", che li ha riconosciuti meritevoli del primo premio nella categoria "Gruppi Pop/Rock originali  in lingua italiana"
Un premio strameritato.
Imperdibili il prossimo mercoledì 2 Ottobre 2013 alle ore 22.00
Dimmidisì (Sotto casa di Andrea)
Via dei Volsci, 126/b 
Roma (zona S.Lorenzo)
All'Interno dell'evento "We Are The Festival"
Ingresso Gratuito per l'evento (richiesta solo tessera di iscrizioneal club del valore di 6€)

mercoledì 25 settembre 2013

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:riparte il WE A.R.E. THE FESTIVAL (quinta edizione)

Arteromaeventi.com, in collaborazione con il Sotto Casa di Andrea, Radio Città Aperta, 06 Live e OggiRoma
è lieta di annunciare che ...
riparte il WE A.R.E. THE FESTIVAL (quinta edizione)
FESTIVAL PER BAND EMERGENTI di Roma e dintorni

ISCRIVI LA TUA BAND ALLA PAGINA
http://www.arteromaeventi.com/wearethefestival
Sempre tramite la stessa pagina è possibile inoltre iscriversi anche come artisti visivi o di altro tipo per il progetto 'Osservare i suoni e ascoltare le immagini' per esporre le proprie opere durante le serate del Festival.
Le serate si terranno presso la nuova sede del Sotto Casa di Andrea.

Ricordiamo o rendiamo noto che

1) LA PARTECIPAZIONE AL FESTIVAL E' APERTA A FORMAZIONI MUSICALI DI OGNI TIPO (BAND, DUO ACUSTICO, ONE MAN BAND, CANTAUTORI, COVER O MUSICA ORIGINALE , ETC) ED E' TOTALMENTE GRATUITA per i musicisti, per gli artisti che parteciperanno al progetto 'OSSERVARE I SUONI E ASCOLTARE LE IMMAGINI' e per quanti volessero collaborare; niente quote da pagare quindi nè all'atto di iscrizione, nè prima, nè durante , nè dopo.

2) TUTTE LE FORMAZIONI MUSICALI IN GARA AVRANNO GRATUITAMENTE LE FOTOGRAFIE CHE VERRANNO PUBBLICATE ON LINE E LA REGISTRAZIONE AUDIO DEI PROPRI LIVE DIRETTAMENTE LA SERA STESSA. Per i gruppi nuovi, rendiamo noto che foto e registrazioni verranno date sempre gratis ai gruppi e la sera stessa dell'esibizione, basterà portarsi un pen-drive e il gioco è fatto !!!!

3) IN PALIO PER LE BAND VINCITRICI E PER TUTTE LE MIGLIORI BAND LA POSSIBILITA' DI FARE SERATE, PASSAGGI IN RADIO SULLE FREQUENZE DI RADIO CITTA' APERTA 88.9 IN FM E TANTO ALTRO ANCORA. Il Festival è aperto sia alla musica originale che alle cover, con due concorsi separati in cui le band saranno sottoposte al voto del pubblico e al voto della giuria e la stessa formazione musicale può partecipare a entrambe le sezioni effettuando due volte l'iscrizione e selezionando nel form una volta la voce 'Formazione di Cover' e una volta 'Formazione di Musica Originale' (se si fa parte di più di una formazione musicale si può ovviamente effettuare una registrazione per ciascuna di queste)



PER ISCRIVERSI AL FESTIVAL COME

- BAND / MUSICISTI IN GARA PER IL CONCORSO

- ARTISTI VISIVI (FOTOGRAFI O PITTORI) PER ESPORRE DURANTE I LIVE PER 'OSSERVARE I SUONI E ASCOLTARE LE IMMAGINI'

- COLLABORATORI O SPONSOR

CLICCARE SUL LINK

http://www.arteromaeventi.com/wearethefestival

compilare il form e inoltrare la propria candidatura

------------------------------------------------------------------------------------


SONO IN CORSO LE SEMIFINALI DELLA QUARTA STAGIONE ...
DAL VIVO AL SOTTO CASA DI ANDREA

PER IL PROGRAMMA COMPLETO DELLE SERATE IN CORSO VISITA LA PAGINA

https://www.facebook.com/events/1413390395548796/

Prossimi eventi live a Roma e dintorni

Questa settimana vi consigliamo i seguenti live:

Questa sera, mercoledì 25 settembre 2013 a Locanda Blues in via Cassia 1284 serata promozionale della rassegna "Anime di Carta": si esibiranno (non necessariamente in quest'ordine) Sonix + The Ties + Anthropos + Penguins in Bondage Band + Special Guest
Dalle ore 21.30, ingresso gratuito

Giovedì 26 settembre 2013 dalle 22.00 all' 1.00 di notte, secondo appuntamento della stagione per la EXPOLIVE PROJECT, dalle 21.45 esposizione fotografica di CLAUDIO LAGANA' ed esposizione di pittura di MAURO BREDA. Dalle 22.30 Live nell'ordine CROMATIKA + MOONFLOWER + RUBIK FREAK. ingresso 3 euro, no tessera. Flyer by Nicolò Criscimanni.
Evento in collaborazione con la trasmissione "ALTERNITALIA" di GIANLUCA POLVERARI in onda tutte le domeniche alle 18.00 su RADIO CITTA' APERTA.
Locanda Atlantide
Via dei Lucani 22b, 00185 Roma

Venerdì 27 settembre 2013 ESTRO - GENESIS TRIBUTE al Roadhouse Music Pub di Via Dei Laghi Km. 15 a Nemi
Ancora al Traffic di via Prenestina 738 The Ties + Malrovescio + Random live.

Sabato 28 settembre ClanVero - Tributo a Adriano Celentano al Roadhouse Music Pub ed ancora Unconditional Reflex in Concerto a REATINA 213 di Mentana (Roma)- locandina evento nella foto- e  Wait Hell In Pain al Perla Nera di Alatri, in via Pignano 18




"Come Un'Arancia in Norvegia" il nuovo album di Luciano D'Abbruzzo e MIG: critica sociale e speranza di una band perennemente controcorrente

Parliamo di un'alternative band italiana molto interessante: Luciano D'Abbruzzo e MIG. Da poco hanno pubblicato l'album "Come Un'Arancia in Norvegia". Un titolo che sicuramente fa un po' capire il senso dell'album: un album di estremi! Dove le contaminazioni si incontrano, generano una fusion di suoni ed atmosfere a tinte forti. Molti gli elementi di rottura con gli schemi classici della canzone d'autore italiana sono presenti in questo lavoro: sonorità oscure, composizioni psichedeliche, suoni distorti, effetti sonori...testi pungenti, talvolta feroci contro la società attuale. L'avventura musicale del gruppo Luciano D'Abbruzzo e MIG comincia nel lontano settembre del 1997. In quell'anno ci fu per loro una grande occasione di visibilità internazionale quando su Rai Uno si esibirono niente di meno che davanti a Sua Santità Papa Giovanni Paolo II a Bologna. In quel contesto eseguirono il brano "Cerco un altro sogno".
Un esordio che potremmo definire... celestiale! Quel trampolino fece fare un grande salto alla band. Due anni dopo,incontreranno Fabio Liberatori, fondatore degli Stadio che scriverà insieme a Luciano D'Abbruzzo il brano "Cose che non sai" inserito nell' Ep omonimo, spostando il timone verso una musica più votata alla ricerca e alla qualità. 
Poi è la volta di  "N€uro"del 2002 che segna una tappa fondamentale nella maturazione artistica di Luciano D'Abbruzzo e dei suoi compagni di avventure Alessandro De Berti (chitarra),Giancarlo Boccitto(chitarra), Massimo Franceschina (basso) e Jacopo Coretti (batteria) ovvero i MIG. Alcuni brani estratti dall'album riscuotono un notevole successo di pubblico e di critica: "Da grande" vince la fase tv del Premio Recanati ( ora Musicultura ) e "Punto Esatto" viene inserita da Sergio Bardotti nella scaletta del "Concertone" del 1°Maggio 2002. L'anno successivo ancora tante soddisfazioni, tanti concerti e partecipazioni a vari eventi e manifestazioni in tutta Italia, tra le quali  la loro presenza all' "International Free Airport", l'apertura del concerto dei Sonic Youth nell'Estate Romana e quello di Ligabue allo Stadio Olimpico insieme agli Alarm, a conclusione di un anno davvero magico per questo gruppo. Ma non è tutto: nel 2003, Luciano D'Abbruzzo e i MIG, incideranno quello che forse è il brano più importante della loro carriera:"Con il vento Pace". Un brano che lancia un messaggio mondiale, rivolto a tutti i giovani e messo in rete, al fine di rendere il messaggio ancora più forte, la notte dell' attacco  anglo-americano all'Iraq. Daniele Silvestri inserirà il link sul proprio sito ufficiale. Nel 2008 la canzone verrà utilizzata come sottofondo durante una commemorazione ad Hiroshima, in occasione dell'annuale celebrazione delle vittime del bombardamento atomico americano del 1945, ma anche come sigla per la promozione dei "Diritti Umani nelle scuole" con l'Associazione Arte e Cultura per i Diritti Umani onlus di Roma e Youthforhumanrights.org. Luciano e i MIG vengono riconosciuti nel 2010 meritevoli di una targa come Difensori dei Diritti Umani.  Un premio sicuramente meritato, visto anche il loro costante impegno, anche al di fuori della musica nella partecipazione attiva a sostegno dei diritti umani e della pace. Attualmente il gruppo è impegnato nella promozione dell'album “Come un'Arancia in Norvegia". Il brano si compone di nove tracce tra le quali "Kaos", brano nel quale si analizza in maniera dissacrante la società odierna schiava delle tv, priva di ideali, totalmente devastata sin dal suo nucleo fondamentale: la famiglia. "Padre dammi cinque soldi che mi dovrei drogare se proprio non ti va regalami un televisore e lasciarmi seduto li a guardarlo ore ed ore; madre tu insegnami a ballare iscrivimi al concorso che mi faccia aggiudicare un posto all’ombra sopra al sole." è la strofa introduttiva del brano, che lascia ben poco all'immaginazione! Tutto è chiaramente contorto nel mondo di oggi e "Kaos" rispecchia sia nel titolo, che nel testo, che nella sonorità il mondo in cui viviamo. Sicuramente un pezzo interessante. Nell'album sono inclusi anche i già citati brani "Da Grande"e "Punto Esatto". Altri pezzi da segnalare sicuramente l'ironico e surreale "Insetti e Zanzare" il criptico "Retrogusto" e "Lungo La Strada" poetico ed introspettivo brano dove l'autore si lancia in una sorta di psico-analisi, nella speranza di capire chi e cosa sarà un domani: forse una persona migliore di oggi, o forse no. Ma la speranza, di essere almeno un uomo libero viene affidata alla  frase finale del brano:"Chissà se sarò un uomo e un uomo tu sarai per guardare avanti e non fermarmi mai, chissà se sarò forte forte più di chi non guarda fino in fondo e dice sempre si" Un po' una sintesi di quello che Luciano D'Abbruzzo e MIG vogliono essere con la loro musica: teste pensanti, libere, capaci di "guardare fino in fondo", e sapersi imporre senza cadere nei compromessi, come fa chi dice "sempre si". L'album "Come Un'Arancia in Norvegia", grazie ad un accordo con la GT Music Distribution è disponibile in formato digipack sul canale di vendita online http://www.gtmusic.it/ al costo di 11,90 €

martedì 24 settembre 2013

Gli W.H.I.P(Wait Hell In Pain) tornano al Perla Nera. Pronti a stupire come sempre...

Una delle rock band emergenti più scatenate dell'underground romano e laziale, tornano al Perla Nera di Alatri. Parliamo ovviamente degli Wait Hell In Pain o più  semplicemente W.H.I.P. Conosciamo questo gruppo da tempo...siamo sempre molto lieti di recensirli e di segnalare le serate che fanno. Sabato 28 settembre alle ore 22.30 come sempre non lasceranno scampo agli spettatori e ci daranno giù come sempre con la loro potente musica. Potenti riff di chitarra eseguiti da Stefano Prejanò, la batteria potente di Stefano Rossi, che ci da dentro di rullante picchiando come fa un fabbro; il tutto legato alla bellissima voce di Kate. Più metal che hard rock...anzi più W.H.I.P Metal!!! Come sempre vi consigliamo di non perderveli, perché veramente parliamo di una band che fa "veramente" musica originale con un stile tutto proprio... composta da gente veramente in gamba, con diverse esperienze dietro le spalle in grado di far collimare le varie influenze, quella metal di Kate e Stefano Prejanò, quella hard rock di Ludovico Luce (chitarra ritmica e voce), quella funk ed alternative rock di Damir Rapone (basso) e quella progressive del batterista Stefano Rossi. Tutte queste anime convivono nella musica degli W.H.I.P. assolutamente unica e travolgente... ascoltare per credere!
Segnaliamo oltre all'evento di sabato prossimo altri appuntamenti con gli Wait Hell In Pain: il 17 ottobre suoneranno a Roma, all' Alvarado Street di Via Attilio Mori, 27 mentre il prossimo 25 ottobre suoneranno al Defrag Ar di via delle Isole Curzolane, 75 nel quartiere Tufello.
Segnaliamo anche un concerto a Dorno, in provincia di Pavia per il 12 ottobre presso il  B&B Saloon.
Wait Hell In Pain 
Live @ La Perla Nera. 
Sabato 28 Settembre 2013 ore 22.30
La Perla Nera
via pignano 18, 
03011 Alatri(Frosinone)

I prossimi live alla Locanda Blues

Ecco gli eventi live per la fine di settembre previsti alla Locanda Blues.
Giovedì 26-09-2013GENTI DIVERSE - Omaggio al maestro FABRIZIO DE ANDRE' - Dodo Versino - Voce Francesca Colucci - Flauto traverso, cori Alessandro Gilardi - Violino Luca D'Afflisio - Chitarra acustica, cori Giuseppe Molino - Chitarra acustica, cori Filippo Stefanelli - Tastiera, fisarmonica, flauto traverso, cori GIacomo Nardelli - Basso Paolo Volpini - Batteria
Venerdì 27-09-2013SEX SELLS Bon Jovi tribute - I Sex Sells non si vogliono proporre come cloni dei Bon Jovi, né tantomeno intendono risuonare alla perfezione i successi della band così come furono registrati sui dischi,ma mirano al ben più ambizioso compito di trasmettere la carica, l’energia ed il fiume di emozioni delle travolgenti esibizioni live dei Bon Jovi.
Sabato 28-09-2013HIDENBURG + RELICS - Evento straordinario con due miti della musica di tutti i tempi. LED ZEPPELIN vs PINK FLOYD.iL CONCERTO SI SVOLGERA' CON DUE BAND CHE ESEGUIRANNO I GRANDI CLASSICI DI DUE DELLE FORMAZIONI ROCK CHE REALMENTE HANNO FATTO LA STORIA DELLA MUSICA!
Domenica 29-09-2013HRS - Serata dedicata alla musica italiana, suonata dal vivo, con i brani più' importanti degli anni '70/'80, cantati dagli allievi dell' Accademia Musicale HRS - Hole Recording Studio Nel corso della serata l'artista Alyssa Zezza, presenterà due brani unplugged tratti dal suo CD
Ricordiamo inoltre come martedì 24 e mercoledì 25 settembre, si terrà come ogni settimana, l'evento live "Anime di Carta", contest per band emergenti, ideato, organizzato e condotto da Emanuela Petroni.
Locanda Blues
Via Cassia, 1284
Roma
Tel. 06 30 31 00 97.

lunedì 23 settembre 2013

Clash Of Rhinos questa sera al Traffic per presentatare il loro secondo album "Knots".

"Knots" è il secondo album del quintetto di Derby, i Crash Of Rhinos, che segue il debutto dell'acclamato album 'Distal', uscito nel 2010. "Knots" è stato registrato in poco più di una settimana al Whitewood Studios (al piano superiore di un magazzino a Liverpool) all'inizio di quest'anno. Prodotto da Rob Whiteley, che è l'unico che non ha storto la bocca quando la band gli ha comunicato che avrebbe voluto un suono alla 'In Utero che incontra Colour & The Shape'."Knots" è una coproduzione tra Big Scay Monsters (UK), Topshelf Records (USA) e To Lose La Track (Italia) ed esce in doppio vinile gatefold in edizione limitata e cd cardboard, disponibili dal 22 luglio 2013. Il gruppo britannico questa sera è atteso al Traffic per una serata all'insegna dell'indie rock che vedrà protagonisti anche gli emiliani Gazebo Penguins ed il gruppo degli Unmask.
Crash of Rhinos(UK) + Gazebo Penguins + Unmask
Questa sera Lunedì 23 Settembre 2013 ore 21.30
Traffic
Via Prenestina 738, 
00155 Roma






Una serata per ricordare il mito di Janis Joplin

Il 4 ottonbre del 1970 a soli 27 anni, si spegneva una delle più grandi icone del rock femminile di tutti i tempi: Janis Joplin, "The Rose" (la rosa) come veniva soprannominata. Al Crossroads di Via Braccianese 780 (Loc. Osteria Nuova) Roma, si terrà una serata unica per ricordare una la grandissima Janis il prossimo 4 ottobre. A ricoradare la voce dell’indimenticata artista americana scomparsa  43 anni fa (anche se non sembra sia passato tutto questo tempo) ci sarà Arianna Antinori and The Turtle Blues, con open show affidato ad Alessandro Lepore ed ai e Rawstars.
Una scelta più che azzeccata, visto che nel 2010 Arianna (nella foto sotto) ha vinto il primo contest internazionale indetto dalla famiglia di Janis ( nella figura dei fratelli di Janis, Michael e Laura Joplin), per la miglior interpretazione del brano "Mercedes Benz". Questo riconoscimento ha segnato la svolta nella sua carriera, portandola a diventare la cantante ospite ufficiale dei Big Brother and The Holding Company (band originale di Janis Joplin) nei loro tour italiani. In questi ultimi anni Arianna ha conquistato pubblico e addetti ai lavori grazie ad un carica live supportata da una voce morbida e graffiante al tempo stesso, che si avvicina in maniera mirabile alla grande Janis. Di notevole spessore anche la band che l’accompagna (dal trio, al quintetto, fino ad una superband di otto elementi sul palco).
Nel luglio di quest’anno vince anche il decennale del concorso L’Artista che non c’era - sez. Internazionale - indetto dalla rivista L’Isola, che vedeva una giuria composta da una trentina di autorevoli addetti ai lavori, tra cui Franco Mussida, Guido Giazzi, Riccardo Vitanza, Davide Grandi, Dario Zigiotto, John Vignola, ecc.
A Roma, Arianna Antinori si esibirà con la sua formazione completa composta da ben 9 elementi sul palco, in uno spettacolo nel quale proporrà i brani più significativi della carriera di Janis Joplin e pezzi inediti del suo album di debutto “ariannAntinori”, prodotto con Jean Charles Carbone e Marco Fasolo. 
L’album contiene anche un brano inedito della Joplin, "Can’t be the Only One", a cui viene data voce per la seconda volta nella storia: Janis Joplin, infatti, non è riuscita ad inciderlo per la sua prematura scomparsa e questo onore è stato concesso solo a Kathi McDonald (storica corista dei Rolling Stones e di Joe Cocker) e all’italiana Arianna Antinori.
Ad aprire la serata, come abbiamo già detto, ci sarà Alessandro Lepore, chitarrista e polistrumentista rock-blues, che dopo una lunga esperienza negli States è tornato in Italia da qualche anno. Tocco morbido e preciso, nella sua voce uno dei punti di forza, con cui convince fin dal primo ascolto.
A seguire il gruppo dei Rawstars, uno dei migliori live-act romani. Gruppo dalle sonorità blues che virano al rock’n’roll, in un mix che diventa rock energico. I Rawstars hanno aperto il concerto degli America a Roma nel 2011 e quest’anno sono stati selezionati per alcune aperture all’Ippodromo delle Capannelle dalla Rock in Roma Festival. La band (che in questi mesi sta lavorando al suo primo album) vede tra le sue fila anche Francesco Lucarelli, chitarrista di lunga esperienza che ha già raccolto numerosi consensi, come nelle aperture ai concerti di Crosby, Stills, Nash & Young o nel disco solista con Graham Nash.
JANIS JOPLIN’S MEMORIAL DAY
Giovedì 3 Ottobre 2013
CrossRoads Live Club 
 Via Braccianese 780 
(Loc. Osteria Nuova) Roma
Ingresso Euro 12
Info & prenotazioni: 06 3046645 - 347 1694250

venerdì 20 settembre 2013

Ninah Mars approda alla Perla Nera di Alatri. Un sabato ad alta tensione rock insieme al "rockera" venezuelana ed ai nostrani One Eyed Jack.

Ninah Mars
Se qualcuno pensa che sia una parente di Bruno Mars, ha sbagliato di grosso.  Ninah, porta dentro di se e dentro la sua musica la ruvidezza del rum e l'odore del fumo dei locali di Caracas. Nei suoi occhi si legge la grinta e la raffinata spregiudicatezza di chi vuole arrivare lontano, a suon di rock.. rock tostissimo. La sua vita è piena di sorprese divertenti: ha avuto modo per "caso" di condividere il palco con i Paramore in occasione del loro tour mondiale, quando la band di Franklin (Tennessee) approdò per una data in Venezuela. Giovane, carina, brava, determinata, tenace, una bella voce, la capacità di sfruttare il suono e la tonalità per comporre due album che hanno avuto successo. Ninah alla fine non ha avuto fortuna, ha anche le carte in regola (a quanto pare tutte) per raggiungere il successo. Ninah, ha origini italiane. La passione per la musica l'ha catturata in età molto precoce , da quando  a cinque anni si unì al coro dei bambini della sua scuola. scuola Emil Friedman per i suoi 5 anni , si è unito il coro dei bambini e ha preso lezioni di pianoforte e violino presso la stessa istituzione , a comporre i suoi primi pezzi in quel periodo . 
I suoi passi nelle arti hanno progredito a un ritmo simile , e in otto anni aveva vinto il premio pittura per bambini in Italia. A 14 anni si trasferisce in Venezuela. Alla fine della scuola  secondaria  si sposta in Florida , negli Stati Uniti per continuare i suoi studi , diplomandosi come ingegnere del suono nella specializzazione di "Show Production & Touring" alla Sail University  nel 2006.Ninah poi torna in Venezuela nel 2007, dove ha formerà la sua band Ninah Mars & The Stickfaces , registrando il suo primo album in studio , intitolato " This Is How We Pray" con Johnny Serra che ha partecipato alla produzione della canzone "Let Me Be".Un album che raccoglie le esperienze personali dell'artista e le riflette nei suoi testi dal principio alla fine , addolciti con un tocco di Punk Rock alternativo. Il successo varca in breve tempo i confini del Venezuela e si esibisce in Colombia, Messico, Stati Uniti, quindi Spagna, Italia e Svizzera. Caratterizzata da una potente e ruvida, da un look molto punk, ed una presenza scenica sicuramente dirompente, Ninah Mars, rappresenta sicuramente ben più che una promessa del rock.
One Eyed Jack
 La Perla Nera di Alatri, uno dei tempi del rock laziali, avrà l'onore di presentare questa straordinaria artista, che oltre ad essere un'ottima cantautrice, è una polistrumentista niente male, disimpegnandosi egregiamente con tastiere e chitarra. Domani sera, sabato 21 settembre, solstizio d'autunno, salutate l'estate 2013 con un po' meno di malinconia, e preparatevi ad affrontare le tristi giornate d'autunno con l'energia giusta. La carica di Ninah Mars e quella degli straordinari One Eyed Jack, gruppo hard rock, originario del frusinate. Dei One Eyed Jack, abbiamo avuto modo di parlare già qualche volta. La band è composta da Jade Singer, Frank Marrelli, Silvia Pietroni ,Alessandro Forconi e Chiara Iacoboni. Un gruppo nato da una fusion di idee e di talenti: Frank Marrelli, chitarra solista del gruppo, è un ex membro del Savers (una band heavy metal della fine degli anni '90), dei Rebel Tango (band hard rock da Roma) e diverse tribute band, tra cui Appetite for Destruction (G n 'R tribute); Alessandro Forconi suona la batteria anche con i Mendoza,gruppo punk rock da Roma. Ad essi si aggiungono la bravissima Jade, con la sua esperienza blues e soul, forte anche della militanza nel Rehab Trio, una band acustica che suona Amy Winehouse canzone e classici del rock,  Silvia "Skull" Pietroni che porta con se l'anima pop rock e Chiara Iacoboni, che venendo dalle  Killershot (una band hair metal tutto al femminile) rappresenta l-anima metal della band.
Ninah Mars (acustic live) + One Eyed Jacks
Sabato 21 settembre 2013 ore 21.30
La Perla Nera
Via Pignano 18, 
03011 Alatri
Telefono 334 975 9339


The Ties in concerto al Traffic il prossimo 27 settembre

Appuntamento Live al Traffic il prossimo 27 settembre 2013 con i nostri amici The Ties. Una grande serata all'insegna del rock che vedrà oltre ai The Ties, sul palco i Malrovescio e The Random Live.
The Ties, nascono nel 2013. E' una band di recentissima formazione, ma si è già esibita nei migliori locali di Roma: Locanda Blues, Blackout rock club, Contestaccio, Caffè Latino, Sinister Noise, Circolo degli Illuminati. Il gruppo è formato da Matt (voice e chitarra), Icaro (seconda voce, tamburino), The Great L(chitarra), Gab (percussioni), SanG (basso). Ragazzi giovanissimi, con tanta voglia di fare bene. La loro musica è un cocktail ad alta concentrazione alcolica, dove vengono miscelate le influenze e gli stili più svariati, dal beat al pop, dal rock psichedelico al folk, dal rhytm'n'blues all'hard rock.
Sulle orme di gruppi legendari come Beatles, Rolling Stones, Who, Pink Floyd, Black Sabbath, Oasis, Nirvana, Jet, Kasabian, Wolfmother, questi ragazzi anno avuto un ottimo riscontro da parte del pubblico e la loro musica li ha portati molto lontano: in Finlandia, dove hanno avuto modo di effettuare un piccolo tour nei locali live di Helsinki, entusiasmando il rigoroso pubblico finlandese, che di rock se ne intende alla grande...
Non perdeteveli venerdì 27 settembre 2013, ore 21.30
The Ties & Malrovescio & The Random live @ Traffic
Traffic Club Roma
Via Prenestina 738
00155 Roma 
Entrata 5 euro

"Deja Vu", la raccolta ufficiale dei Negrita, presentata dal gruppo toscano ai loro fan di Roma lo scorso 17 settembre.

Report: Daniele Crescenzi
Foto: Fabio Spagnoletto
Intervistati da Gianmaurizio Foderaro di RadioUno, i Negrita hanno presentato a Roma il loro ultimo lavoro discografico: "Deja Vu".  Da quel che si evince dal titolo dell'album, "Deja Vu" è il viaggio dei Negrita attraverso la loro storia, scandito dai principali successi di questa rock band originaria di Arezzo.
Attivi fin dal 1991, i Negrita hanno già pubblicato otto album in studio, due EP live, un disco live e tre raccolte. Hanno collaborato con alcuni dei principali artisti italiani come Ligabue, Edoardo Bennato, Franco Battiato ed altri. Partecipato come ospiti in vari album di altri celebri artisti, anche a livello internazionale come la rock band argentina dei La Zurla ed il chitarrista colombiano Juanes. Al loro attivo anche la partecipazione nella realizzazione di colonne sonore per film come "Tre Uomini e una Gamba" di e con Aldo, Giovanni e Giacomo del 1997 e "Così è La Vita!" sempre del trio comico milanese, realizzato l'anno successivo.
Alla presentazione romana dell'album, tenutasi il 17 settembre tenutasi alla Feltrinelli di via Appia Nuova, vi erano Pau, Drigo e Mac, naturalmente i fondatori e motori del gruppo dal 1991ad oggi, "i nostri e vostri Negrita", come li ha introdotti al numeroso pubblico di fan intervenuti, Gianmurizio Foderaro.
"Déjà Vu", è un disco pensato inizialmente com un live",ha avuto modo di spiegare Pau, ed  invece è diventato un disco "registrato  in studio, sempre  in versione semi-acustica". L'album contiene 26 brani raccolti in due cd con due inediti, "La tua canzone", già passato da  questa estate su tutte le principali radio e "Anima Lieve".  "La scelta dei brani non è stata facile. Si parla di vent'anni di carriera, abbiamo dovuto scegliere accuratamente le tracce da inserire", spiega Pau (al secolo Paolo Bruni). "Alcune tracce si candidano automaticamente, perché sono pezzi troppo amati dal nostro pubblico che non li puoi non mettere, per altre tracce invece, c'è un discorso più ragionato su quale mettere e come inserirle nel disco", ha invece precisato  Enrico"Drigo" Salvi, chitarra solista e voce, insieme a Pau  dal 1991 ad oggi della rock band.

In questo doppio cd, il gruppo toscano, ha inserito quasi esclusivamente brani dell'ultimo periodo, estrapolati dagli album "L'uomo sogna di volare"(2005), " HELLdorado"(2008) e "Dannato vivere"(2011), aggiunta alle "greatest hits" che non si potevano non mettere assolutamente da "Reset"(posizione numero 77 tra i 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia) e dal loro primo album "Negrita del 1994 .
Il periodo, insomma, più maturo della band. 
Da "Radio Zombie" del 2001 è stata inserita solo una traccia "Hemingway" come per "Paradisi per Illusi" che conta solo "Vai, Ragazzo Vai" ed "XXX", dal quale i Negrita, per questo best, hanno scelto solo "Ho imparato a sognare"
I Negrita hanno detto come, spesso nella scelta hanno influito anche i ricordi di esperienze personali. Ci sono brani che legano ad un particolare ricordo. Al termine della presentazione dell'album, il gruppo ha risposto ad alcune domande dei fan. Molti i momenti divertenti, nel quale Pau e Drigo scherzano con i loro fan, prendendosi anche un po' in giro. Raccontano alcuni anedoti durante un viaggio a Rio de Janeiro, quando in una sala di registrazione è partito un assolto del chitarrista colombiano Juanes ed è nata subito un'improvvisazione di "Rotolando verso Sud" senza nemmeno provarla. Singolare il rapporto che li lega al pubblico, del quale non possono farne a meno: "All'inizio di ogni tour vorresti finire subito, perché non vedi l'ora che questi massacranti viaggi da una città all'altra, le sessioni di prova infinite terminino. Poi, quando finisce un tour, vorresti ricominciare subito da capo con nuovi entusiasmanti concerti", afferma Drigo.
"Quando inizia un tour, ti senti sempre molto rigido, anche negli strumenti. Come ad un esame"-dice Pau-"poi man mano che le date scorrono, tutto diventa più liquido, ti esponi ad improvvisazioni, assoli ed arrangiamenti nuovi, anche senza mai averli  provati prima e crei un cocktail espolisivo dove dentro c'è di tutto:aranciata, vodka, varicchina, guttalax...", conclude il frontman del gruppo. Al termine dell'incontro, una lunga sessione di foto ed autografi con i loro affezionatissimi fan. I Negrita in questi giorni saranno impegnati nella promozione del disco, con una serie di presentazioni ufficiali, interviste a radio e giornali. Poi si entra nel vivo, con il tour ufficiale di "Deja Vu" che dopo la sessione estiva, riparte Rieti il 17 ottobre e andrà avanti fino a dicembre. ''Siamo sempre un band atipica nella musica italiana'', assicurano i Negrita.
Ecco la track list ufficiale di "Deja Vu":

CD1
La tua canzone
L’uomo sogna di volare
Rotolando verso sud
Il libro in una mano, la bomba nell’altra
Radio Conga
Hemingway
Luna
Un giorno di ordinaria magia
Sale
E sia splendido
Magnolia
Gioia infinita
La tua canzone (Radio version)


CD2
Anima lieve
Vai ragazzo vai
Cambio
Bum bum bum
Ho imparato a sognare
Brucerò per te
In ogni atomo
Bonanza
Che rumore fa la felicità
Tutto bene
Dannato Vivere
Mama Maè
Lontani dal mondo

 A seguire anche le date del tour autunnale 2013, suddivise mese per mese, fino alle attuali conferme per dicembre.

Ottobre 2013

17.10 Rieti, Teatro Flavio Vespasiano (data zero)
18.10 Firenze, Teatro Verdi
19.10 Torino, Teatro Colosseo
21.10 Milano, Teatro Nazionale
24.10 Piacenza, Teatro Politeama
26.10 Brescia, Palabrescia
27.10 Udine, Teatro Giovanni da Udine
30.10 Sassari, Teatro Verdi
31.10 Cagliari, Auditorium del Conservatorio

Novembre 2013

02.11 Lecce, Teatro Politeama Greco
04.11 Roma, Teatro Sistina
05.11 Pisa, Teatro Verdi
07.11 Avellino, Teatro Carlo Gesualdo
08.11 Civitanova Marche (Mc), Teatro Rossini
09.11 Pescara, Teatro Massimo
15.11 Parma, Teatro Regio
16.11 Venezia, Tetaro Malibran
21.11 Bologna, Teatro Manzoni
22.11 Schio (Vi), Teatro Astra
23.11 Conegliano (Tv), Teatro Accademia
25.11 Perugia, Teatro Morlacchi
26.11 Ravenna, Teatro Alighieri
28.11 Mantova, Gran Teatro Palabam
29.11 Novara, Phenomenon
30.11 Legnano (Mi), Teatro Galleria

Dicembre 2013

02.12 Milano, Teatro Nuovo
03.12 Modena, Teatro Storchi

Il costo dei biglietti va dai 28 ai 39 euro. Le vendite sono già aperte su ticketone.

giovedì 19 settembre 2013

La Notte Bianca a Terni

TerniOn

LA Notte Bianca in città 4a edizione una notte di festa lunga un week end il 20,21 e 22 Settembre 2013
Negozi aperti spettacoli per le strade, animazioni x bambini, giochi con luna park, attività artistiche in genere, musica tradizioni, proiezioni cinematografiche attività sportive, laboratori artistici e culinari, e tanto altro ancora .....Queste saranno alcune delle iniziative  che animeranno la 3 giorni in questa cittadina umbra.

Da segnalare Sabato 20 settembre ore 01.00 l'esibizione della bravissima cantante Simona Molinari.

Info e programma: www.Ternion.it
o tel 0744549770
C.M.

L'universo femminile raccontato da Katres in occasione della presentazione dell'album "Farfalla a Valvole"

Report:Daniele Crescenzi
Foto: Fabio Spagnoletto

Ci sono tanti modi per descrivere l'amore visto con gli occhi di una donna: l'amore per il proprio uomo, l'amore per la propria terra, l'amore per la musica, l'amore per se stessi. Ogni amore che viene visto con gli occhi di una donna ha una visione del tutto diversa: più intensa, più malinconica, più profonda. Il sentimento delle donne è un sentimento forte ed intenso. Teresa Capuano in arte "Katres" sa intercettare tutto questo, inserendo molto delle sue personali esperienze( condite da delusioni, disillusioni, amarezza ma anche curiosità e voglia di cambiamento). Lo intercetta e lo trasforma in musica.  Katres nasce a Catania ma da piccola si trasferisce con la famiglia a Napoli, dove vive tutt'ora. All'età di 12 anni inizia a suonare la chitarra e poco dopo si scopre compositrice. Personalità, passione ed eleganza respirano insieme nei suoi testi e nella sua musica, raccontando spesso dell’universo femminile con grande ironia e romanticismo. La fine del 2008 segna la sua presenza come unica cantautrice campana tra le finaliste del prestigioso Premio nazionale Bianca d'Aponte,dove si aggiudica il PREMIO + BORSA DI STUDIO SIAE PER LA MIGLIOR COMPOSIZIONE con il brano Bianco Elettrico. Da li una serie di successi personali che proiettano Teresa nel mondo della musica a marcia spedita. Di lei viene apprezzata la sincerità, la dolcezza, l'ironia e l'incredibile leggerezza dei suoi brani. Katres ha presentato a Roma il 16 settembre scorso il suo album d'esordio "Farfalla a Valvole". Il titolo si riferisce ad una definizione che ha dato di lei il coautore dell’album, Piergiorgio Faraglia:“farfalla a valvole, perché lei è dotata della raffinatezza e della delicatezza di una farfalla unita alla potenza di una amplificatore a valvole”. 
In effetti Katres non scherza mica quando ci mette passione ed intensità nelle sue canzoni. “Via dalla Mia Vita”, brano che racconta di una storia d'amore andata in pezzi, con una "lei" che caccia di casa il suo "lui" è un'esempio di come questa bellissima e dolcissima farfalla che è Katres, può diventare un'amplificatore a valvole e tirar fuori tutta la grinta della quale è capace, per poi ritornare mansueta e tenera...innocente come una farfalla. 
Le tante sfaccettature di una personalità artistica complessa come quella di Teresa "Katres" Capuano sono presenti in tutte le sue canzoni. In ogni canzone mette infatti la dolcezza, l'ironia, l'astio, l'aggressività, il sentimento. Forse perché ogni canzone è un viaggio: quello di una donna che è sembra alla ricerca di se stessa... 
E dove cominciare tale ricerca se non dalle proprie origini?
Per questo che Katres, apre la presentazione dell'album proprio da "Madre Terra"
Le nostre origini parlano per noi,;Katres lo sa benissimo, ed orgogliosa del suo essere una figlia di quel Sud pieno di contraddizioni ma bellissimo ecco che poeticamente racconta della sua Sicilia come “isola circondata dal mare ma avvolta da stelle e nuvole”
Una canzone bellissima "Madre Terra", sicuramente uno spaccato sincero, raccontato in maniera suggestiva,di quell' isola dotata di "bellezza eterna". Katres del resto deve molto alle sue origini siciliane: la sua infanzia è stata caratterizzata dal legame con sua zia, che era una cantante ed ha fatto scoprire alla piccola Teresa, la passione per la musica. Da quel legame parte tutto: le prime esperienze musicali a Napoli tra maestri di piano e suonatori ambulanti, la scoperta di Rosa Balistreri e delle cantautrici della musica popolare e successivamente della world music. Fino ai primi concorsi e alle affermazioni degli ultimi anni.
 Nel 2011 si esibisce durante la puntata della festa delle 3000 puntate di "Demo", puntata trasmessa in diretta su Radio 1 Rai, insieme a Niccolò Fabi, Ron, Teresa de Sio, Paolo Belli, Francesca Schiavo e Nathalie. Una sua canzone, "Coiffeur", viene scelta come sigla di chiusura del programma radiofonico “Demo” in onda su Radio 1 Rai.
L'anno prima è vincitrice del premio “Best songwriter” al Demo’s lady award, premio indetto dal programma Demo di radio 1 Rai. Vittoria che le permette di aprire il concerto di Max Gazzè all’ interno della manifestazione “Settembre kasmeneo” e di esibirsi prima di artisti come Edoardo Bennato, Ron e Antonella Ruggiero.
Si tratta solo degli ultimi traguardi raggiunti in ordine di tempo da questa straordinaria artista.
In effetti la sua prima grande affermazione è proprio in quel 2008, in occasione del  Premio Nazionale Bianca d'Aponte, dedicato alle giovani cantautrici. Il brano “Bianco Elettrico”, col quale s'impone al festival  viene definito da Lilli Greco il "brano più bello che ha ascoltato negli ultimi vent'anni". Il cantautore Pacifico ha definito Katres: "Forza e quiete in una voce calda che invita all'ascolto." 
 "Farfalla a Valvole" è sicuramente un album intenso e complesso, dove viene sicuramente messo dentro  un po' di tutto: si parla della donna in crisi che va dal parrucchiere e si prepara li ad affrontare le grandi scelte che la vita gli pone davanti Si attraversano le varie fasi dell’innamoramento, del tradimento, l’abbandono, la spensieratezza. Una finestra spalancata sul mondo delle donne, ma anche un specchio che riflette la stessa  Katres perché un po' tutto si trova  anche di lei si trova in queste canzoni. Il tutto condito con la particolare eleganza e la  voce aggraziata che riesce ad esprimere passione e poesia in maniera ancora più tangibile. Il tour di Katres per presentare questo bellissimo  "Farfalla a Valvole" adesso passa per un'altro appuntamento importante a Roma: l'11 ottobre a Contestaccio. Altri appuntamenti che vi segnaliamo: il 18 ottobre live all' Almost Blue di Benevento e il 7 febbraio 2014 prenotatevi alla Cantina Mediterraneo di Frosinone. Si tratta delle date più vicine a  Roma già accertate; ma il calendario è ancora tutto in evoluzione e alle attuali tappe nel Lazio e nella Campania si potrebbero aggiungere altre importanti date che saprete se continuate a seguirci o se andate sul sito www.katres.it
La presentazione del 16 settembre si è tenuta alla libreria Feltrinelli di Via Appia Nuova (zona Furio Camillo) davanti a tanti amici e molti fan ed ammiratori di questa artista emergente veramente interessante.
Oltre ad un'intervista sull'album, Katres ha eseguito per l'occasione acustico oltre a "Madre Terra", "Via dalla Mia Vita" e "Bianco Elettrico" i brani “Non Ho Bisogno”e soprattutto”Coiffeur”, brano che si può ascoltare sul sito, che è comunque uno dei brani più significativi circa lo stile compositivo di Katres e che racchiude un po' tutta la filosofia musicale di questa cantautrice siculo-campana.
Nel corso del minilive di presentazione del disco è stata accompagnata da Andrea D’Apolito al pianoforte, cajon e chitarra e Toto Giornelli al basso.
"Farfalla a Valvole"contiene nove tracce tra le quali "Gli Occhi dei Bambini" unica cover presente, di un grande artista, troppo in fretta accantonato, come Stefano Rosso, che Katres ha voluto ricordate nel corso dell'evento di presentazione dell'album.




 

martedì 17 settembre 2013

Don Bosco: è tutto pronto per la festa più attesa dell'estate romana.

 I giorni di venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 settembre, piazza dei Consoli e più precisamente la Torre del Quadraro,  saranno protagoniste assolute del Municipio VII. In quei giorni, dalle 10.30  fino a tarda sera, una serie di spettacoli teatrali, cabaret e concerti musicali, faranno da cornice ad una delle iniziative più attese della stagione: la festa di fine estate 2013. Tra i tanti artisti che si esibiranno nel corso dei tre giorni di festa, vi segnaliamo Edoardo Vianello(nella foto), Nino Taranto, i Sequestr'Attori, Renzo Renzetti (canzoni romane), Asilo Republic (cover Vasco Rossi), Via Tagliamento (cover Renato Zero).
Sarà una festa dedicata alla gente di Cinecittà’, all’insegna della semplicità, dell’allegria e della spensieratezza, per salutare insieme l’estate e per guardare con maggiore e rinnovata fiducia e speranza ai tempi che verranno. Ovviamente l’ingresso al pubblico,  è rigorosamente gratuito”. L’iniziativa  ha ottenuto il patrocinio del Consiglio della Regione Lazio, della  Provincia di Roma,  di Roma Capitale e del Municipio VII.“
Info: La Torretta Piazza dei Consoli - Tel. 06.76906972

lunedì 16 settembre 2013

Luca Carboni: trent'anni di emozioni raccontate in musica a Cerreto Laziale


Siamo tutti un po’ bambini; capaci di emozionarci e capaci di piangere quando ascoltiamo le parole di una canzone che ci ricorda un momento particolare della nostra vita. Luca Carboni da trent’anni racconta emozioni, emozioni vere. Un’artista che sicuramente non ha bisogno di presentazioni. A Cerreto Laziale in provincia di Roma, in occasione della festa in onore della Madonna delle Grazie, sabato 14 settembre, arriva con il suo bagaglio di pezzi intramontabili. Pezzi che hanno segnato generazioni, hanno fatto nascere amori, hanno rappresentato un momento particolare di molte vite. Del resto Luca Carboni, un po’ appartiene a quella schiera di artisti che sono autori della colonna sonora di tante esistenze. Uno di quelli capaci, con la propria musica di condizionare delle scelte, fare uscire persone dallo sconforto, magari ricordando solo una semplice frase di un testo. Ha debuttato sulla scena musicale nel 1981 come chitarrista e compositore del gruppo Teobaldi Rock, esordendo come solista nel 1984 e si è sempre distinto per il carattere intimista e riflessivo dei suoi testi. "Silvia lo sai" è stato un inno generazionale, oltre che una delle sue canzoni più belle. E quei ragazzi del 1987, che l'ascoltavano negli walk-man o nelle radioline, in sella ad un ciclomotore "Ciao", erano ancora li, la sera del 14 settembre. Immarcescibili, irriducibili, instancabili fans di "Luca", semplicemente Luca.
Li con le ragazze di un tempo diventate le loro mogli e con i loro figli... a raccontargli come "Luca", che ascoltavano tempo fa è ancora quello li... mai cambiato, forse imbiancato, ma mai cambiato! Ancora li a raccontare della "Maglia del Bologna,sette giorni su sette" che l'altro Luca, quello della canzone Silvia Lo Sai, indossava anche “andando a dottrina”. Il concerto di Luca Carboni inizia verso le ore 22.00 quando la piazza centrale del Paese, Piazza Guglielmo Marconi è gremitissima di persone venute dai tutti i comuni limitrofi a Cerreto, da Roma e da varie parti del Centro Italia, con in prima fila l’instancabile fan club del cantante.
 Inizia subito forte con “La Mia Città”, pezzo tratto da “Carboni” del 1992, uno dei suoi album di inediti più fortunati. Sempre dallo stesso album arriva il secondo pezzo "Le storie d'amore", pezzo tra i più belli della sua discografia e sicuramente tra i più apprezzati dal pubblico. Poi ancora tratto dall'ultimo album di inediti "Senza Titolo", il brano "Non Finisce Mica Il Mondo" e  dal passato" L'amore che cos'è" altro pezzo intramontabile e “Liberi di Andare” altro brano dell’album “Senza Titolo”, al quale Luca, dice di essere “molto legato”. Man mano che il tempo scorre, scorrono i ricordi, la gente si emoziona. Luca racconta la sua gioia di stare li e ringrazia tutti per l’entusiasmo mostrato. Concede, come è suo solito, poco spazio alle parole, molto alla musica. Raramente si interrompe per parlare tra un brano e l’altro … ma è una sua peculiarità. “La Mia Ragazza” è l’unico brano di tutta la serata, introdotto dal racconto di un suo ricordo personale, quello della nascita di suo  figlio Samuele e l’emozione che ciò ha trasmesso in lui. Il concerto scorre tra brani del nuovo album come “Per Tutto il Tempo” e pezzi più datati come “Faccio i conti con te”, ma i successi che legano il cantante al cuore dei suoi fans, arrivano tutti uno dietro l’altro, dopo che Luca parla del suo ultimo lavoro, per festeggiare i trent’anni di carriera “Fisico & Politico”, che vede anche la partecipazione di altri artisti, come Fabri Fibra, col quale canta l’inedito che da il titolo all’intero album (che sarà comunque una raccolta di canzoni che ripercorreranno la sua carriera). Al seguito di quest’annuncio sull’album “Fisico & Politico”, ecco arrivare
“Fragole Buone Buone” dal suo primo album “...intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film” del 1984, l’attesissima “Silvia Lo Sai”(iniziata a cantare dal pubblico prima che da Luca, in quanto riconosciuta dalle prime note di introduzione suonate al piano) e ancora la più attesa “Farfallina” entrambi da “Luca Carboni”(1987) e ancora “Mi Ami Davvero”("LU*CA”-2001) e “Inno Nazionale”(“Mondo”-1995). La grande serata dei ricordi si avvia alla conclusione con gli ultimi pezzi memorabili della carriera di questo straordinario artista italiano: “Ci Stiamo Sbagliando”, brano del cantante bolognese datato 1984, “Ci Vuole Un fisico Bestiale”ancora da “Carboni” del 1992 e dopo la breve pausa, solita degli artisti per farsi richiamare sul palco a gran voce, il finale affidato naturalmente a “Vieni a vivere con me” e alla liberatoria “Mare Mare”. Freddo a parte, di un particolare week end settembrino con temperature in discesa, le due ore quasi di concerto, sono state scaldate dalla grande musica di questo straordinario artista, accompagnata dall’ entusiasmo mai calante dei suoi fans, ancora li, ora come negli anni Ottanta, dietro le transenne che separano il palco dalle piazze... a cantare con l’entusiasmo di sempre “Silvia lo sai? Lo sai che Luca si buca ancora? Silvia chissà ,chissà se a Luca ci pensi ancora? " 
D.C.

Galà d’apertura di Anime di Carta alla Locanda Blues lo scorso 12 settembre


Cattivi Propositi, Eneide, Unconditional Reflex e Le Maschere:un piccolo assaggio del meglio della musica di qualità espressa la passata edizione nella serata d’apertura. Martedì 17 settembre si entra nel vivo con l’inizio delle gare ad eliminazione

Report:Daniele Crescenzi
Foto: Fabio Spagnoletto

Daniela Versino dei Cattivi Propositi
Tante sorprese nel primo appuntamento con Anime di Carta edizione 2013-2014. In questa prima serata alla Locanda Blues, il 12 settembre, presentati da Emanuela Petroni, instancabile ideatrice ed organizzatrice di questo contest, si esibiscono i gruppi che meglio hanno figurato nella passata edizione: Cattivi Propositi, Le Maschere, Unconditional Reflex ed Eneide. Per gli Eneide è stata una grande occasione per presentarsi al pubblico in una veste tutta nuova: il gruppo nasce come tribute band del Litfiba, un po’ di tempo fa ma adesso ha deciso di dare un taglio al passato e proporsi come band di musica originale. Sono stati presentati alcuni brani originali da Lorenzo Caccianini e soci come “Nero” e “Il Clown”, che vede una spettacolare performance, tutta da godere dell’originalissimo Daniele Leotta, il bassista del gruppo, veramente notevole nelle sue esibizioni dal vivo, sia nel modo di suonare che nel modo di porsi sul palco. Nel brano, annoverante una lunga introduzione parlata, Daniele Leotta mette in mostra doti niente male di attore di prosa, con un lungo soliloquio interpretato alla maniera Moliére. Lo stile del gruppo ricalca le orme compositive dei Litfiba che per anni hanno proposto come tribute band: suono new wave oscuro e ipnotico, un vero progressive all’italiana, quello stile che fece grandi i Litfiba soprattutto negli anni della “Trilogia del Potere”(1985-1989). Da quell’epoca gli Eneide estrapolano l’unico brano dei Litfiba, della serata, in coda alla loro esibizione: si tratta di “Tziganata”(dall’album “Desaparecido”del 1985), messo li un po’ come per rendere un ultimo omaggio alla loro passata e lunga carriera di tribute del gruppo rock fiorentino.
Le Maschere
Ma è stata anche la serata degli Unconditional Reflex,secondi classificati, nella scorsa edizione, ad una incollatura dai Julian Mente(impossibilitati a venire da quel di Foligno). Come sempre Roberto Spagnoli, riesce sempre a dare il massimo e a far dare il massimo alla sua band. Gli Unconditional sono giovani ed energici. Stanno per pubblicare il loro primo CD, la registrazione è a buon punto … Hanno lavorato sodo quest’estate in sala d’incisione. Ma la passione per la musica ed il rock’n’roll non li ferma. Come non ferma Le Maschere, altro gruppo di quelli di maggior successo della scorsa edizione di Anime di Carta. Vintage solo anagraficamente: dentro lo spirito di leoni in piena caccia nella savana.
Roberto Spagnoli e Francesco Patané degli
Unconditional  Reflex
Scatenati sul palco come non mai, Le Maschere, che nel corso della loro attività musicale hanno fatto da spalla a molti gruppi beat e rockabilly che sono giunti da Oltremanica, rappresentano la generazione di eterni ragazzini pestiferi che non rinuncia al sound, come non rinuncia a stivali di pelle, ai pantaloni a zampa d’elefante o agli jeans “Roy Roger's”, agli occhiali scuri e alla fascia ferma sudore sulla fronte. Ma soprattutto non rinuncia alla musica a “Una Birra, un gin e… rock’n’roll”come cita una loro canzone in stile beat anni ’60. Il rock vero è questo: quello che si ha nell’anima. Le Maschere ne sono un chiaro esempio. Tornando agli Unconditional Reflex, hanno saputo anche in questa serata inaugurale di Anime di Carta proporre un repertorio di brani originali hard rock/sleaze alto livello … quel livello che li ha fatti arrivare molto in alto.
Lorenzo Caccianini (Eneide)
Molto bello come sempre “My Child”, un pezzo che è una ballata d’amore rock, d’atmosfere un po’ più soft rispetto agli altri brani!!!! 
Per finire due parole sui Cattivi Propositi, che qui citiamo per ultimo ma si sono in realtà esibiti per primi! Anch’essi un po’ espressione dell’avanguardia musicale … ovvero di quelli che c’erano prima ed hanno insegnato un po’ tutto agli altri. Le band mature alla fine hanno questo pregio, poter dire di essere sempre un passo avanti agli altri… Daniela Versino è la bravissima e simpaticissima vocalist di questo gruppo dall’anima nera! Soul e rhytm’n’blues è la loro fede, la loro vocazione artistica. Eseguono con stile i grandi classici della storia di questi due generi, “padri putativi” del rock’n’roll. Tra i brani che che ci hanno maggior mente impressionato senza dubbio versione in chiave rhytm’n’ blues di “Can’t Buy My Love” dei Beatles, davvero bella. 
Anime di Carta prende il via ufficialmente solo martedì prossimo … il nostro augurio alle band che quest’anno vi partecipano è quello di ottenere la maggior visibilità ed il miglior successo possibile. Ora come sempre in questi casi vale il detto “quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare!

sabato 14 settembre 2013

I Diaframma questa sera al Brancaleone.

Diciamo che un po' tutto il prog italiano sia nato da loro e da altri gruppi antecedenti che comunque avevano meno rabbia dentro da esprimere in musica. I Diaframma hanno cambiato la musica italiana. Tutto ciò che c'era prima era effimero, dissolvente...ad libitum! I primi esperimenti di rock serio qui da noi, l'hanno fatto proprio loro.I Diaframma sono una delle poche band nate dal movimento new wave italiano e ancora in circolazione e più in forma che mai. Li ritroviamo con un album, “Niente di serio”, scritto ancora una volta interamente dal carismatico leader Federico Fiumani, particolarmente ispirato, è un po' un "esame di coscienza" questo album, dove sembra si cerchi una via d'uscita, una propria identità, anche musicale, dove rock e pop melodico, ma anche la tipica canzone d'autore italiana, si mantengono in equilibrio precario sulle note delle canzoni di questo disco, pericolosamente in bilico tra rock e canzone d'autore, tra mondi diversi, ma poi, perché no? Decisamente uguali, maledettamente speculari. Fiumani resta sempre fedele alla sua linea  e la detta al gruppo come ha sempre fatto. I temi trattati, sempre quelli difficili dell'inconscio umano. Un album per certi versi viscerale ed introspettivo, con le tematiche che ricordano l'amore, la solitudine, il combattere un mondo che non vuole cambiare.  “Niente di serio”,è sicuramente un'opera molto poetica e insolente, dalla vocalità aspra e dalle melodie desuete, registrato presso lo Studio Emme di Calenzano (FI), emblema del rock italiano.  Del resto  si parla un po’ di tutto in quest’album… ma “Niente di serio”. Questa sera, imperdibili,  i Diaframma saranno al  Brancaleone di via Levanna 13, per presentare questo lavoro
Diaframma in concerto. 
Questa sera Sabato 14 settembre 2013 ore 21.30 circa.
Brancaleone
Via Levanna 13
00141 Roma
Telefono:06 8200 4382