giovedì 19 settembre 2013

L'universo femminile raccontato da Katres in occasione della presentazione dell'album "Farfalla a Valvole"

Report:Daniele Crescenzi
Foto: Fabio Spagnoletto

Ci sono tanti modi per descrivere l'amore visto con gli occhi di una donna: l'amore per il proprio uomo, l'amore per la propria terra, l'amore per la musica, l'amore per se stessi. Ogni amore che viene visto con gli occhi di una donna ha una visione del tutto diversa: più intensa, più malinconica, più profonda. Il sentimento delle donne è un sentimento forte ed intenso. Teresa Capuano in arte "Katres" sa intercettare tutto questo, inserendo molto delle sue personali esperienze( condite da delusioni, disillusioni, amarezza ma anche curiosità e voglia di cambiamento). Lo intercetta e lo trasforma in musica.  Katres nasce a Catania ma da piccola si trasferisce con la famiglia a Napoli, dove vive tutt'ora. All'età di 12 anni inizia a suonare la chitarra e poco dopo si scopre compositrice. Personalità, passione ed eleganza respirano insieme nei suoi testi e nella sua musica, raccontando spesso dell’universo femminile con grande ironia e romanticismo. La fine del 2008 segna la sua presenza come unica cantautrice campana tra le finaliste del prestigioso Premio nazionale Bianca d'Aponte,dove si aggiudica il PREMIO + BORSA DI STUDIO SIAE PER LA MIGLIOR COMPOSIZIONE con il brano Bianco Elettrico. Da li una serie di successi personali che proiettano Teresa nel mondo della musica a marcia spedita. Di lei viene apprezzata la sincerità, la dolcezza, l'ironia e l'incredibile leggerezza dei suoi brani. Katres ha presentato a Roma il 16 settembre scorso il suo album d'esordio "Farfalla a Valvole". Il titolo si riferisce ad una definizione che ha dato di lei il coautore dell’album, Piergiorgio Faraglia:“farfalla a valvole, perché lei è dotata della raffinatezza e della delicatezza di una farfalla unita alla potenza di una amplificatore a valvole”. 
In effetti Katres non scherza mica quando ci mette passione ed intensità nelle sue canzoni. “Via dalla Mia Vita”, brano che racconta di una storia d'amore andata in pezzi, con una "lei" che caccia di casa il suo "lui" è un'esempio di come questa bellissima e dolcissima farfalla che è Katres, può diventare un'amplificatore a valvole e tirar fuori tutta la grinta della quale è capace, per poi ritornare mansueta e tenera...innocente come una farfalla. 
Le tante sfaccettature di una personalità artistica complessa come quella di Teresa "Katres" Capuano sono presenti in tutte le sue canzoni. In ogni canzone mette infatti la dolcezza, l'ironia, l'astio, l'aggressività, il sentimento. Forse perché ogni canzone è un viaggio: quello di una donna che è sembra alla ricerca di se stessa... 
E dove cominciare tale ricerca se non dalle proprie origini?
Per questo che Katres, apre la presentazione dell'album proprio da "Madre Terra"
Le nostre origini parlano per noi,;Katres lo sa benissimo, ed orgogliosa del suo essere una figlia di quel Sud pieno di contraddizioni ma bellissimo ecco che poeticamente racconta della sua Sicilia come “isola circondata dal mare ma avvolta da stelle e nuvole”
Una canzone bellissima "Madre Terra", sicuramente uno spaccato sincero, raccontato in maniera suggestiva,di quell' isola dotata di "bellezza eterna". Katres del resto deve molto alle sue origini siciliane: la sua infanzia è stata caratterizzata dal legame con sua zia, che era una cantante ed ha fatto scoprire alla piccola Teresa, la passione per la musica. Da quel legame parte tutto: le prime esperienze musicali a Napoli tra maestri di piano e suonatori ambulanti, la scoperta di Rosa Balistreri e delle cantautrici della musica popolare e successivamente della world music. Fino ai primi concorsi e alle affermazioni degli ultimi anni.
 Nel 2011 si esibisce durante la puntata della festa delle 3000 puntate di "Demo", puntata trasmessa in diretta su Radio 1 Rai, insieme a Niccolò Fabi, Ron, Teresa de Sio, Paolo Belli, Francesca Schiavo e Nathalie. Una sua canzone, "Coiffeur", viene scelta come sigla di chiusura del programma radiofonico “Demo” in onda su Radio 1 Rai.
L'anno prima è vincitrice del premio “Best songwriter” al Demo’s lady award, premio indetto dal programma Demo di radio 1 Rai. Vittoria che le permette di aprire il concerto di Max Gazzè all’ interno della manifestazione “Settembre kasmeneo” e di esibirsi prima di artisti come Edoardo Bennato, Ron e Antonella Ruggiero.
Si tratta solo degli ultimi traguardi raggiunti in ordine di tempo da questa straordinaria artista.
In effetti la sua prima grande affermazione è proprio in quel 2008, in occasione del  Premio Nazionale Bianca d'Aponte, dedicato alle giovani cantautrici. Il brano “Bianco Elettrico”, col quale s'impone al festival  viene definito da Lilli Greco il "brano più bello che ha ascoltato negli ultimi vent'anni". Il cantautore Pacifico ha definito Katres: "Forza e quiete in una voce calda che invita all'ascolto." 
 "Farfalla a Valvole" è sicuramente un album intenso e complesso, dove viene sicuramente messo dentro  un po' di tutto: si parla della donna in crisi che va dal parrucchiere e si prepara li ad affrontare le grandi scelte che la vita gli pone davanti Si attraversano le varie fasi dell’innamoramento, del tradimento, l’abbandono, la spensieratezza. Una finestra spalancata sul mondo delle donne, ma anche un specchio che riflette la stessa  Katres perché un po' tutto si trova  anche di lei si trova in queste canzoni. Il tutto condito con la particolare eleganza e la  voce aggraziata che riesce ad esprimere passione e poesia in maniera ancora più tangibile. Il tour di Katres per presentare questo bellissimo  "Farfalla a Valvole" adesso passa per un'altro appuntamento importante a Roma: l'11 ottobre a Contestaccio. Altri appuntamenti che vi segnaliamo: il 18 ottobre live all' Almost Blue di Benevento e il 7 febbraio 2014 prenotatevi alla Cantina Mediterraneo di Frosinone. Si tratta delle date più vicine a  Roma già accertate; ma il calendario è ancora tutto in evoluzione e alle attuali tappe nel Lazio e nella Campania si potrebbero aggiungere altre importanti date che saprete se continuate a seguirci o se andate sul sito www.katres.it
La presentazione del 16 settembre si è tenuta alla libreria Feltrinelli di Via Appia Nuova (zona Furio Camillo) davanti a tanti amici e molti fan ed ammiratori di questa artista emergente veramente interessante.
Oltre ad un'intervista sull'album, Katres ha eseguito per l'occasione acustico oltre a "Madre Terra", "Via dalla Mia Vita" e "Bianco Elettrico" i brani “Non Ho Bisogno”e soprattutto”Coiffeur”, brano che si può ascoltare sul sito, che è comunque uno dei brani più significativi circa lo stile compositivo di Katres e che racchiude un po' tutta la filosofia musicale di questa cantautrice siculo-campana.
Nel corso del minilive di presentazione del disco è stata accompagnata da Andrea D’Apolito al pianoforte, cajon e chitarra e Toto Giornelli al basso.
"Farfalla a Valvole"contiene nove tracce tra le quali "Gli Occhi dei Bambini" unica cover presente, di un grande artista, troppo in fretta accantonato, come Stefano Rosso, che Katres ha voluto ricordate nel corso dell'evento di presentazione dell'album.




 

martedì 17 settembre 2013

Don Bosco: è tutto pronto per la festa più attesa dell'estate romana.

 I giorni di venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 settembre, piazza dei Consoli e più precisamente la Torre del Quadraro,  saranno protagoniste assolute del Municipio VII. In quei giorni, dalle 10.30  fino a tarda sera, una serie di spettacoli teatrali, cabaret e concerti musicali, faranno da cornice ad una delle iniziative più attese della stagione: la festa di fine estate 2013. Tra i tanti artisti che si esibiranno nel corso dei tre giorni di festa, vi segnaliamo Edoardo Vianello(nella foto), Nino Taranto, i Sequestr'Attori, Renzo Renzetti (canzoni romane), Asilo Republic (cover Vasco Rossi), Via Tagliamento (cover Renato Zero).
Sarà una festa dedicata alla gente di Cinecittà’, all’insegna della semplicità, dell’allegria e della spensieratezza, per salutare insieme l’estate e per guardare con maggiore e rinnovata fiducia e speranza ai tempi che verranno. Ovviamente l’ingresso al pubblico,  è rigorosamente gratuito”. L’iniziativa  ha ottenuto il patrocinio del Consiglio della Regione Lazio, della  Provincia di Roma,  di Roma Capitale e del Municipio VII.“
Info: La Torretta Piazza dei Consoli - Tel. 06.76906972

lunedì 16 settembre 2013

Luca Carboni: trent'anni di emozioni raccontate in musica a Cerreto Laziale


Siamo tutti un po’ bambini; capaci di emozionarci e capaci di piangere quando ascoltiamo le parole di una canzone che ci ricorda un momento particolare della nostra vita. Luca Carboni da trent’anni racconta emozioni, emozioni vere. Un’artista che sicuramente non ha bisogno di presentazioni. A Cerreto Laziale in provincia di Roma, in occasione della festa in onore della Madonna delle Grazie, sabato 14 settembre, arriva con il suo bagaglio di pezzi intramontabili. Pezzi che hanno segnato generazioni, hanno fatto nascere amori, hanno rappresentato un momento particolare di molte vite. Del resto Luca Carboni, un po’ appartiene a quella schiera di artisti che sono autori della colonna sonora di tante esistenze. Uno di quelli capaci, con la propria musica di condizionare delle scelte, fare uscire persone dallo sconforto, magari ricordando solo una semplice frase di un testo. Ha debuttato sulla scena musicale nel 1981 come chitarrista e compositore del gruppo Teobaldi Rock, esordendo come solista nel 1984 e si è sempre distinto per il carattere intimista e riflessivo dei suoi testi. "Silvia lo sai" è stato un inno generazionale, oltre che una delle sue canzoni più belle. E quei ragazzi del 1987, che l'ascoltavano negli walk-man o nelle radioline, in sella ad un ciclomotore "Ciao", erano ancora li, la sera del 14 settembre. Immarcescibili, irriducibili, instancabili fans di "Luca", semplicemente Luca.
Li con le ragazze di un tempo diventate le loro mogli e con i loro figli... a raccontargli come "Luca", che ascoltavano tempo fa è ancora quello li... mai cambiato, forse imbiancato, ma mai cambiato! Ancora li a raccontare della "Maglia del Bologna,sette giorni su sette" che l'altro Luca, quello della canzone Silvia Lo Sai, indossava anche “andando a dottrina”. Il concerto di Luca Carboni inizia verso le ore 22.00 quando la piazza centrale del Paese, Piazza Guglielmo Marconi è gremitissima di persone venute dai tutti i comuni limitrofi a Cerreto, da Roma e da varie parti del Centro Italia, con in prima fila l’instancabile fan club del cantante.
 Inizia subito forte con “La Mia Città”, pezzo tratto da “Carboni” del 1992, uno dei suoi album di inediti più fortunati. Sempre dallo stesso album arriva il secondo pezzo "Le storie d'amore", pezzo tra i più belli della sua discografia e sicuramente tra i più apprezzati dal pubblico. Poi ancora tratto dall'ultimo album di inediti "Senza Titolo", il brano "Non Finisce Mica Il Mondo" e  dal passato" L'amore che cos'è" altro pezzo intramontabile e “Liberi di Andare” altro brano dell’album “Senza Titolo”, al quale Luca, dice di essere “molto legato”. Man mano che il tempo scorre, scorrono i ricordi, la gente si emoziona. Luca racconta la sua gioia di stare li e ringrazia tutti per l’entusiasmo mostrato. Concede, come è suo solito, poco spazio alle parole, molto alla musica. Raramente si interrompe per parlare tra un brano e l’altro … ma è una sua peculiarità. “La Mia Ragazza” è l’unico brano di tutta la serata, introdotto dal racconto di un suo ricordo personale, quello della nascita di suo  figlio Samuele e l’emozione che ciò ha trasmesso in lui. Il concerto scorre tra brani del nuovo album come “Per Tutto il Tempo” e pezzi più datati come “Faccio i conti con te”, ma i successi che legano il cantante al cuore dei suoi fans, arrivano tutti uno dietro l’altro, dopo che Luca parla del suo ultimo lavoro, per festeggiare i trent’anni di carriera “Fisico & Politico”, che vede anche la partecipazione di altri artisti, come Fabri Fibra, col quale canta l’inedito che da il titolo all’intero album (che sarà comunque una raccolta di canzoni che ripercorreranno la sua carriera). Al seguito di quest’annuncio sull’album “Fisico & Politico”, ecco arrivare
“Fragole Buone Buone” dal suo primo album “...intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film” del 1984, l’attesissima “Silvia Lo Sai”(iniziata a cantare dal pubblico prima che da Luca, in quanto riconosciuta dalle prime note di introduzione suonate al piano) e ancora la più attesa “Farfallina” entrambi da “Luca Carboni”(1987) e ancora “Mi Ami Davvero”("LU*CA”-2001) e “Inno Nazionale”(“Mondo”-1995). La grande serata dei ricordi si avvia alla conclusione con gli ultimi pezzi memorabili della carriera di questo straordinario artista italiano: “Ci Stiamo Sbagliando”, brano del cantante bolognese datato 1984, “Ci Vuole Un fisico Bestiale”ancora da “Carboni” del 1992 e dopo la breve pausa, solita degli artisti per farsi richiamare sul palco a gran voce, il finale affidato naturalmente a “Vieni a vivere con me” e alla liberatoria “Mare Mare”. Freddo a parte, di un particolare week end settembrino con temperature in discesa, le due ore quasi di concerto, sono state scaldate dalla grande musica di questo straordinario artista, accompagnata dall’ entusiasmo mai calante dei suoi fans, ancora li, ora come negli anni Ottanta, dietro le transenne che separano il palco dalle piazze... a cantare con l’entusiasmo di sempre “Silvia lo sai? Lo sai che Luca si buca ancora? Silvia chissà ,chissà se a Luca ci pensi ancora? " 
D.C.

Galà d’apertura di Anime di Carta alla Locanda Blues lo scorso 12 settembre


Cattivi Propositi, Eneide, Unconditional Reflex e Le Maschere:un piccolo assaggio del meglio della musica di qualità espressa la passata edizione nella serata d’apertura. Martedì 17 settembre si entra nel vivo con l’inizio delle gare ad eliminazione

Report:Daniele Crescenzi
Foto: Fabio Spagnoletto

Daniela Versino dei Cattivi Propositi
Tante sorprese nel primo appuntamento con Anime di Carta edizione 2013-2014. In questa prima serata alla Locanda Blues, il 12 settembre, presentati da Emanuela Petroni, instancabile ideatrice ed organizzatrice di questo contest, si esibiscono i gruppi che meglio hanno figurato nella passata edizione: Cattivi Propositi, Le Maschere, Unconditional Reflex ed Eneide. Per gli Eneide è stata una grande occasione per presentarsi al pubblico in una veste tutta nuova: il gruppo nasce come tribute band del Litfiba, un po’ di tempo fa ma adesso ha deciso di dare un taglio al passato e proporsi come band di musica originale. Sono stati presentati alcuni brani originali da Lorenzo Caccianini e soci come “Nero” e “Il Clown”, che vede una spettacolare performance, tutta da godere dell’originalissimo Daniele Leotta, il bassista del gruppo, veramente notevole nelle sue esibizioni dal vivo, sia nel modo di suonare che nel modo di porsi sul palco. Nel brano, annoverante una lunga introduzione parlata, Daniele Leotta mette in mostra doti niente male di attore di prosa, con un lungo soliloquio interpretato alla maniera Moliére. Lo stile del gruppo ricalca le orme compositive dei Litfiba che per anni hanno proposto come tribute band: suono new wave oscuro e ipnotico, un vero progressive all’italiana, quello stile che fece grandi i Litfiba soprattutto negli anni della “Trilogia del Potere”(1985-1989). Da quell’epoca gli Eneide estrapolano l’unico brano dei Litfiba, della serata, in coda alla loro esibizione: si tratta di “Tziganata”(dall’album “Desaparecido”del 1985), messo li un po’ come per rendere un ultimo omaggio alla loro passata e lunga carriera di tribute del gruppo rock fiorentino.
Le Maschere
Ma è stata anche la serata degli Unconditional Reflex,secondi classificati, nella scorsa edizione, ad una incollatura dai Julian Mente(impossibilitati a venire da quel di Foligno). Come sempre Roberto Spagnoli, riesce sempre a dare il massimo e a far dare il massimo alla sua band. Gli Unconditional sono giovani ed energici. Stanno per pubblicare il loro primo CD, la registrazione è a buon punto … Hanno lavorato sodo quest’estate in sala d’incisione. Ma la passione per la musica ed il rock’n’roll non li ferma. Come non ferma Le Maschere, altro gruppo di quelli di maggior successo della scorsa edizione di Anime di Carta. Vintage solo anagraficamente: dentro lo spirito di leoni in piena caccia nella savana.
Roberto Spagnoli e Francesco Patané degli
Unconditional  Reflex
Scatenati sul palco come non mai, Le Maschere, che nel corso della loro attività musicale hanno fatto da spalla a molti gruppi beat e rockabilly che sono giunti da Oltremanica, rappresentano la generazione di eterni ragazzini pestiferi che non rinuncia al sound, come non rinuncia a stivali di pelle, ai pantaloni a zampa d’elefante o agli jeans “Roy Roger's”, agli occhiali scuri e alla fascia ferma sudore sulla fronte. Ma soprattutto non rinuncia alla musica a “Una Birra, un gin e… rock’n’roll”come cita una loro canzone in stile beat anni ’60. Il rock vero è questo: quello che si ha nell’anima. Le Maschere ne sono un chiaro esempio. Tornando agli Unconditional Reflex, hanno saputo anche in questa serata inaugurale di Anime di Carta proporre un repertorio di brani originali hard rock/sleaze alto livello … quel livello che li ha fatti arrivare molto in alto.
Lorenzo Caccianini (Eneide)
Molto bello come sempre “My Child”, un pezzo che è una ballata d’amore rock, d’atmosfere un po’ più soft rispetto agli altri brani!!!! 
Per finire due parole sui Cattivi Propositi, che qui citiamo per ultimo ma si sono in realtà esibiti per primi! Anch’essi un po’ espressione dell’avanguardia musicale … ovvero di quelli che c’erano prima ed hanno insegnato un po’ tutto agli altri. Le band mature alla fine hanno questo pregio, poter dire di essere sempre un passo avanti agli altri… Daniela Versino è la bravissima e simpaticissima vocalist di questo gruppo dall’anima nera! Soul e rhytm’n’blues è la loro fede, la loro vocazione artistica. Eseguono con stile i grandi classici della storia di questi due generi, “padri putativi” del rock’n’roll. Tra i brani che che ci hanno maggior mente impressionato senza dubbio versione in chiave rhytm’n’ blues di “Can’t Buy My Love” dei Beatles, davvero bella. 
Anime di Carta prende il via ufficialmente solo martedì prossimo … il nostro augurio alle band che quest’anno vi partecipano è quello di ottenere la maggior visibilità ed il miglior successo possibile. Ora come sempre in questi casi vale il detto “quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare!

sabato 14 settembre 2013

I Diaframma questa sera al Brancaleone.

Diciamo che un po' tutto il prog italiano sia nato da loro e da altri gruppi antecedenti che comunque avevano meno rabbia dentro da esprimere in musica. I Diaframma hanno cambiato la musica italiana. Tutto ciò che c'era prima era effimero, dissolvente...ad libitum! I primi esperimenti di rock serio qui da noi, l'hanno fatto proprio loro.I Diaframma sono una delle poche band nate dal movimento new wave italiano e ancora in circolazione e più in forma che mai. Li ritroviamo con un album, “Niente di serio”, scritto ancora una volta interamente dal carismatico leader Federico Fiumani, particolarmente ispirato, è un po' un "esame di coscienza" questo album, dove sembra si cerchi una via d'uscita, una propria identità, anche musicale, dove rock e pop melodico, ma anche la tipica canzone d'autore italiana, si mantengono in equilibrio precario sulle note delle canzoni di questo disco, pericolosamente in bilico tra rock e canzone d'autore, tra mondi diversi, ma poi, perché no? Decisamente uguali, maledettamente speculari. Fiumani resta sempre fedele alla sua linea  e la detta al gruppo come ha sempre fatto. I temi trattati, sempre quelli difficili dell'inconscio umano. Un album per certi versi viscerale ed introspettivo, con le tematiche che ricordano l'amore, la solitudine, il combattere un mondo che non vuole cambiare.  “Niente di serio”,è sicuramente un'opera molto poetica e insolente, dalla vocalità aspra e dalle melodie desuete, registrato presso lo Studio Emme di Calenzano (FI), emblema del rock italiano.  Del resto  si parla un po’ di tutto in quest’album… ma “Niente di serio”. Questa sera, imperdibili,  i Diaframma saranno al  Brancaleone di via Levanna 13, per presentare questo lavoro
Diaframma in concerto. 
Questa sera Sabato 14 settembre 2013 ore 21.30 circa.
Brancaleone
Via Levanna 13
00141 Roma
Telefono:06 8200 4382

Skid Row in Italia: scaletta concerti e costi.

Ci sono giunte delle segnalazioni, prima che venisse confermata la data del 29 novembre al Crossoroads, circa la veridicità di tale data, che a quanto pare non trovava riscontro su altri siti fino a qualche giorno fa. Finalmente abbiamo le conferme e svariati dettagli aggiuntivi. Gli Skid Row faranno  ben quattro date italiane per la fine del 2013. Oltre alla data del Crossroads (che abbiamo riportato nel post del 28 luglio) la band statunitense si esibirà a Moncalieri (Torino), a Corallo di Scandiano (Reggio Emilia) e dulcis in fundo a Udine.Ecco quindi le ultime news circa l'evento di Roma e i dettagli della scaletta prevista per questi quattro concerti in Italia.
Al Crossroads di Roma saranno, Venerdì 29 Novembre 2013 (orario previsto per il concerto, ore 22:15)
I biglietti sono acquistabili, telefonicamente ed acquistabili presso il botteghino del locale oppure direttamente online con acquisto tramite carta di credito sul sito  www.bookingshow.it o ancora sul sito greenticket.it e presso tutti i punti vendita del circuito greenticket.
Il costo del biglietto parte da 27,00€
E' possibile effettuare acquisti sul circuito greenticket anche tramite Call Center al numero 800. 913364
Potete inoltre recarvi presso i punti vendita del circuito Point Ticket più vicini a voi nella vostra città, che potete consultare direttamente CLICCANDO QUI!
Per quanto riguarda le tappe di Torino e Udine i biglietti sono disponibili in prevendita su TicketOne al prezzo di 28,00 euro per il concerto di Torino e a 31,05 euro, per Udine.
Ecco la scaletta prevista per il tour italiano di fine anno dei Skid Row in Italia
Scaletta:
Slave to the Grind
Big Guns
Let’s Go
Piece of Me
18 and Life
New Generation
Makin’ a Mess
In a Darkened Room
Kings of Demolition
Psycho Therapy (Ramones cover)
I Remember You
Monkey Business
Riot Act
Get the Fuck Out
Youth Gone Wild

Ovviamente come sempre si tratta di una scaletta "ufficiosa" che può subire variazioni a discrezione  degli artisti.
Ricordiamo gli estremi per la tappa di Roma degli Skid Row
Crossroads Live Club
Via Braccianese, 771
00123 Osteria Nuova
Roma

Per Raggiungere il locale- Da Roma con i mezzi pubblici: metropolitana linea A fino alla fermata Valle Aurelia. Da Valle Aurelia, ferrovia linea FR3 direzione Cesano, Bracciano, Manziana fino alla stazione Olgiata,dalla stazione Olgiata, autobus linea urbana 030 in direzione Tragliatella per 6 fermate 
(scendere alla fermata Braccianese/S.Maria di Galeria)
Metropolitana linea A fino alla fermata Flaminio;da Flaminio, ferrovia Roma nord fino alla stazione Saxa Rubra e dalla stazione Saxa Rubra, pullman Cotral linea C0001 in direzione Allumiere 
(scendere alla fermata Osteria Nuova/Braccianese)
Da Roma in auto:
- prendere l'uscita 3 del raccordo anulare (cassia)
- imboccare la SS2 via cassia in direzione Viterbo
- proseguire sulla via cassia per 3,5 km
- svoltare leggermente a sinistra e imboccare la SP493 via braccianese
- proseguire sulla via braccianese per 8,9 km fino al civico 771 sulla sinistra della carreggiata
oppure
- prendere l'uscita del raccordo anulare cassia bis/cassia veietana
- percorrere la cassia bis per circa 10 km
- prendere l'uscita Cesano e proseguire seguendo le indicazioni per cesano/scuola di fanteria
- imboccare via di baccanello e percorrerla per circa 3 km fino alla fine della strada
- girare a sinistra in direzione Anguillara
- proseguire per 5 km fino all'incrocio con via braccianese
- girare a destra e percorrere via braccianese per circa 500 metri fino al civico 771 sulla sinistra della carreggiata

venerdì 13 settembre 2013

Francesca Michielin, vincitrice di X-Factor 2011-2012 a Porte di Roma per il primo di quattro appuntamenti live alla Galleria Commerciale

Vincitrice della quinta edizione (2011-2012) del talent show X Factor Francesca Michielin, dopo il grande successo del suo primo singolo Distratto, ha partecipato come debuttante all'edizione 2012 del Festival di Sanremo e lanciato il suo primo album Riflessi di me anticipato dal singolo Sola.
Sabato 21 Settembre sarà la volta di Annalisa Scarrone, cantante solista scoperta nel 2011 dal talent show Amici di Maria De Filippi; Venerdì 27 Settembre Galleria Porta di Roma ospiterà Dolcenera, cantautrice italiana che ha raggiunto la notorietà grazie al brano Siamo tutti là fuori e alla vittoria nella sezione Proposte del Festival di Sanremo 2003. L'ultimo appuntamento della rassegna musicale "Live" sarà Sabato 28 Settembre con Francesco Renga, il noto cantautore italiano vincitore del Festival di Sanremo 2005 con il famosissimo brano Angeli. 
Queste iniziative sono particolarmente apprezzate dal pubblico di Galleria Porta di Roma e gli appuntamenti con gli artisti rappresentano un'occasione privilegiata di contatto per i fan ma anche opportunità di scoperta di musica italiana di qualità per tutti. "E' questo uno degli aspetti che ci hanno convinto a dare vita a Live!" spiega Filippo de Ambrogi, Direttore di Galleria Porta di Roma "I nostri visitatori apprezzano in modo particolare il fatto che gli artisti qui vengano davvero ad esibirsi per loro, in veri e propri concerti gratuiti. Vogliamo dare vita a iniziative caratterizzate da valori di autenticità, capaci di trasmettere emozioni e di consolidare il centro come luogo di riferimento nel territorio romano."
Tutti gli spettacoli, realizzati con il patrocinio del Municipio III - Montesacro - Roma Capitale, avranno inizio alle 21.00
Situata nel III Municipio Roma Montesacro, in Via Alberto Lionello 201, la Galleria Porta di Roma è una vera e propria cittadella di oltre 97.000 mq con 220 negozi disposti su due piani, un ipermercato Auchan di 23.000 mq, sportelli bancari e postali, cinema multisala con 14 sale, 2.500 posti e un parcheggio per 7.200 vetture. Già quest'estate si sono svolti all'interno del parco commerciale, appuntamenti live che hanno visto protagonisti tra gli altri Arisa, Cristina D'Avena e i Ciao Rino.
Live alla Galleria Commerciale Porta di Roma
Venerdì 20 Settembre ore 21.00 
Francesca Michielin live
Sabato 21 Settembre ore 21.00
Annalisa Scarrone in concerto
Venerdì 27 Settembre ore 21.00
Dolcenera in concerto
Sabato 28 Settembre ore 21.00
Francesco Renga in concerto

Galleria Porta di Roma
Via Alberto Lionello, 201
Roma
Metro: B Stazione Ponte Mammolo + bus 341 (fermata Bene/Calindri) 
B1 Stazione Conca d'Oro + Bus 80B oppure Bus 38


giovedì 12 settembre 2013

Eliminazione della Pagina Incontriamoci a Teatro.

Da oggi la pagina Incontriamoci a Teatro non esiste più. Gli eventi teatrali saranno inseriti nella pagina Eventi d'Arte che sarà la pagina dedicata non più solo a mostre e rassegne, ma anche a Teatro, Cinema, presentazioni di libri ed altri appuntamenti culturali....con il nuovo nome Eventi d'Arte e Cultura.

mercoledì 11 settembre 2013

Riprendono i live al Roadhouse di Nemi, ecco il programma dei primi concerti.

Venerdì 27 settembre la splendida location del Roadhouse di Nemi, riprende la grande stagione dei live, con serate tribute e musica originale. Tanti artisti emergenti anche quest'anno e tantissime tribute band nel classico stile del Roadhouse. Supervisione e direzione artistica anche quest'anno affidata a Gabriele Pizzuti.
Si comincia come abbiamo detto il 27 settembre con gli ESTRO- GENESIS TRIBUTE
A seguire ecco le date confermate fino la 27 ottobre.

Sabato 28 settembre CLAN VERO - TRIBUTO A CELENTANO 
Domenica 29 settembre EVERYONE DESERVES MUSIC - Musica emergente

OTTOBRE

venerdi 4 NEMETHENNOX - EURYTHMICS TRIBUTE 
sabato 5 ANCORA TU - TRIBUTO A LUCIO BATTISTI 
domenica 6 EVERYONE DESERVES MUSIC - Musica emergente 
venerdi 11 HOUNDOGS - TRIBUTO A ELVIS PRESLEY 
sabato 12 VERY VINTAGE - ROCKABILLY 50/60 
domenica 13 EVERYONE DESERVES MUSIC - Musica emergente
venerdi 18 ACQUA E SAPONE - TRIBUTO AGLI STADIO 
sabato 19 PEPPE LA' - MUSICA SPETTACOLO E DI TUTTO UN PO' 
domenica 20 EVERYONE DESERVES MUSIC - Musica emergente
venerdi 25 SOLID ROCKERS - DIRE STRAITS TRIBUTE 
sabato 26 RINO GAETANO BAND - TRIBUTO A RINO GAETANO 
domenica 27 EVERYONE DESERVES MUSIC - Musica emergente

Ricordiamo inoltre che dal 1° al 13 ottobre al Roadhouse si svolgerà l'Oktoberfest con un ampissima selezione di ottime birre alla spine.
LIVE AL ROADHOUSE- calendario eventi di Ottobre.
Dal 27 settembre alle ore 21.00 al 27 ottobre alle ore 2.00.
Via Dei Laghi Km. 15 - Bivio di Nemi - Infoline: 800.90.39.47(Gratis anche da cellulari)

martedì 10 settembre 2013

La grande musica senza tempo dei Cugini di Campagna, intramontabili “vecchi leoni”del pop italiano.


La sera dell’8 settembre a Villa Adriana(Tivoli), in occasione della locale festa patronale, sono andati in scena quarant’anni di grande musica italiana.
Report: Daniele Crescenzi
Foto: Fabio Spagnoletto

Ad attenderli c'era una piazza stracolma di gente come per le grandi occasioni. Erano tutti entusiasti e venivano da Villa Adriana, ma anche da molte zone e molti comuni limitrofi. C'erano tantissimi ragazzi che quando loro hanno cominciato a suonare, i genitori di questi ragazzi erano ragazzini essi stessi. Eppure tutti conoscevano a memoria le loro canzoni, tutti le cantavano con le braccia al cielo. Questa è la magia della musica senza tempo che caratterizza da sempre gruppi come i Cugini di Campagna. Alla fine quando sul palco ci sono questi "vecchi leoni" del pop italiano, il successo è sempre garantito. Ed è stato così anche domenica 8 settembre a Villa Adriana (Tivoli) a conclusione di una festa di quattro giorni caratterizzata da una grande presenza di pubblico, specialmente in questa serata finale, che ha visto ancora una volta questo eccentrico quartetto romano grande protagonista della scena... così come lo è da quarant'anni. Quarant'anni di grandi successi, di storie, aneddoti, curiosità raccontati in quasi due ore di concerto. Un Ivano Michetti in grande spolvero, ha regalato molte "chicche" sulla nascita delle loro canzoni, sull’origine del loro nome, sulla loro vita privata e del rapporto che hanno con il loro grande ed affezionatissimo pubblico. Pittoreschi come sempre, con i loro scintillanti abiti in stile anni '70, gli smisurati zatteroni, sempre presenti ai piedi;ogni volta quando salgono sul palco sembra sempre che non sia passato tutto questo tempo... come non lo è mai passato per i grandi successi della loro discografia. Ivano (voce, chitarra e autore dei brani) e Silvano Michetti (batteria) fondatori della band, dal 1994 sono accompagnati alla voce da Nick Luciani e da circa un anno a loro si è aggiunto il giovane tastierista Tiziano Leonardi. Del gruppo originale sono rimasti solo loro due, che il gruppo lo hanno pensato e creato, ma anche condotto al successo. Ivano Michetti è da sempre l'autore di tutti i loro brani di successo: ha firmato tutte le canzoni del gruppo dall'album "Un'Altra Donna" del 1974. Nick Luciani ha avuto il difficile compito di non far rimpiangere Flavio Paulin il primo storico cantante del gruppo, ed è riuscito egregiamente in questo intento. 
Una voce stupenda di 4/8, mai una sbavatura, una grande professionalità ed una grande serietà. Iniziano il concerto verso le 22.00. Aprono con "Amor Mio" il primo inedito pubblicato dopo molti anni e a seguito della ribalta che avvenne nel 1997, grazie alla trasmissione Rai "Anima Mia", condotta da Fabio Fazio e Claudio Baglioni. Dopo i saluti iniziali di Ivano Michetti e i dovuti ringraziamenti al comitato dei festeggiamenti, fatti a nome di tutto il complesso, il concerto entra nel vivo. "No Tu No" del 1981 è il primo successo del decennio storico dei Cugini di Campagna ad essere proposto, cantato dal coro immenso del pubblico accorso a vederli. Poi è la volta di "Tu Sei Tu" altra ballata d'amore, molto apprezzata dal vasto pubblico. Quindi subito viene proposto il pezzo da 90: Ivano Michetti parla di questa canzone e della sua storia, di come sia diventato un successo internazionale, cantato in molte lingue, pubblicato in molti paesi ed interpretato da artisti come Frank Sinatra e gli Abba, grazie ai quali ha raggiunto confini impensabili. Tutte le varie versioni in varie lingue, vengono fatte ascoltare in frammenti di pochi secondi, tra quelle proposte anche la versione spagnola del 2001 di Paolo Meneguzzi e quella che Claudio Baglioni interpretò nel 1997. Quando ne vengono intonate le prime note, la gente è in delirio.
Persone di tutte le età; madri con i loro figli, nonni con i loro nipoti, che per una serata infrangevano definitivamente le barriere del tempo e dell'età ed insieme cantavano commossi le parole di "Anima Mia" una canzone, che indubbiamente rappresenta un patrimonio artistico di inestimabile valore per la musica italiana, di sicuro uno dei brani italiani più conosciuti ed apprezzati nel Mondo. E passando per un successo internazionale come "Anima Mia", si giunge ad un'altro grande successo italiano nel Mondo, però non composto dai Cugini di Campagna, ma dal Maestro Antonio De Curtis in arte Totò. Si tratta di una versione ritmata di "Malafemmena" che i Cugini di Campagna riadattarono per una trasmissione dedicata al grande Totò, che ebbe un enorme apprezzamento anche dalla figlia del grande artista, Liliana. Poi è la volta di "Un'Altra Donna", il singolo italiano che ancora oggi detiene il record di permanenza in classifica con 44 settimane consecutive di presenza in hit parade. Nick Luciani cambia un po' le parole della canzone inserendo il nome "Villa Adriana" nel testo, con un finto disappunto da parte di Ivano Michetti, che finge di prendersela interrompendo il brano, per poi dire come questa burla di Nick sia un modo per ribattere ad un signore del luogo che in giornata durante le prove, gettava il sospetto che anche loro sarebbero venuti li a cantare in playback come (evidentemente) avrà fatto qualcun altro. Il brano successivo è "64 anni" al quale segue a ruota "Il Ballo di Peppe", tratto dal primo album del gruppo. Un brano folk, come doveva essere in principio la loro musica, da qui il nome " Cugini di Campagna"; ma poi il "lancio di Anima Mia, ha cambiato per sempre il loro modo di fare musica", spiega Ivano Michetti.
"Conchiglia Bianca ", altro brano molto amato dai numerosi fans dei Cugini di Campagna, da il pretesto ad Ivano di raccontare la storia della collana di conchiglie che aveva da ragazzo per segnare con ogni conchiglia una sua conquista amorosa, cosa che invece viene scherzosamente contestata da Tiziano Leonardi che afferma come la collana che poteva portare era solo di "cozze" in quanto solo "cozze" rimediava (per chi non è di Roma, cozza sta per "ragazza non attraente o decisamente brutta"). Poi ancora "Meravigliosamente" scritta da Ivano Michetti in occasione della nascita del suo primo figlio; "Preghiera", canzone molto triste, ma bellissima ispirata ad un fatto di cronaca veramente accaduto che commosse l'opinione pubblica nel 1975 e che narra la storia di un grande amore fra due adolescenti terminata in tragedia, a seguito delle morte di lei per una malattia incurabile e del successivo suicidio di lui, per l’insopportabile ed opprimente disperazione di vivere una vita senza di lei.
Qui Ivano racconta anche il complicato rapporto con la censura, per via di alcune parole di questa canzone, la successiva popolarità del brano e quindi il passaggio per le radio molto tempo dopo e anche della lettera a loro inviata dalla madre del ragazzo, che quando sentì la canzone capì che era ispirata alla vicenda sfortunata dei due ragazzi, anche se i Cugini di Campagna fecero di tutto per non far capire che stavano parlando di questo fatto di cronaca, perché, come dice Ivano, "non si voleva nella maniera più assoluta speculare su di un fatto tragico come questo, ma era necessario oltremodo raccontarlo, per quanto drammatico, in quanto, manifesto di un amore infinito." Ivano Michetti racconta come questa lettera è ancora con loro e come loro "sanno che in ogni concerto hanno due angeli che li seguono sempre da lassù". La lunga storia raccontata di 40 di grandi successi, si conclude con l'esibizione dell'ultimo singolo prodotto dai Cugini di Campagna nel 2011, "Mi Manchi Tu" e l'immancabile bis di "Anima Mia" cantata insieme a due persone del pubblico invitate a salire sul palco. 
Di seguito la scaletta dei brani: 
Intro 
Amor Mio 
No Tu No 
Tu Sei Tu 
Anima Mia 
Malafemmena 
Un'Altra Donna 
64 Anni 
Il Ballo di Peppe 
Conchiglia Bianca 
Meravigliosamente 
Preghiera 
Mi Manchi Tu 

bis:Anima Mia 

Uno speciale ringraziamento al Comitato Festeggiamenti di Villa Adriana.









lunedì 9 settembre 2013

Nuova mission per RomaSuonaBene.

Mantenendo l'ago della bussola orientato sempre verso la Capitale, RomaSuonaBene rimarrà sempre un blog che parlerà principalmente di eventi musicali, artistici e culturali che si svolgeranna a Roma, ma estenderà molto la copertura sulla provincia romana, sulle realtà di Latina, Rieti, Frosinone e Viterbo ma anche nelle regioni limitrofe al Lazio (particolarmente Toscana, Umbria e Abruzzo), sperando di farvi cosa gradita.  Per tale ragione cambia il sottotitolo del nostro blog, nel logo sotto al titolo del blog al posto della scritta "Tutti i colori della musica, tutte le emozioni del mondo" trovate da oggi "Il blog degli eventi di Roma, del Lazio e del Centro Italia." Di conseguenza su tutte le altre pagine collegate a RomaSuonaBene (Mondo Liscio, Appuntamenti con Gusto ed Eventi d'Arte) si troveranno eventi che spazieranno da Roma alle altre realtà territoriali dell'Italia centrale.











domenica 8 settembre 2013

Tornano i grandi live della musica indipendente al Traffic: questa sera lo storico gruppo punk britannico The Boys

Insieme ai Sex Pistols, Clash, Damned e Generation X, i Boys sono tra i protagonisti della prima ondata punk a metà degli anni '70, e la prima punk band inglese a firmare un contratto discografico nel gennaio 1977. Stimati dalla stampa musicale e dai loro contemporanei, vengono definiti i “Beatles del punk” per la loro melodica vena pop. Nel settembre 1977 entrano nella chart inglese con l'omonimo album di debutto. Casino Steel (tastiere/voce) ha fatto parte degli Hollywood Brats e poi dei London SS, gruppi che saranno di grande influenza per i Boys. Sicuramente sconociuti ai più, ma molto apprezzati dai cultori del genere punk rock  britannico. Questa sera saranno al Traffic. Insieme a loro sul palco: The Wires, duo blues/garage composto da Chris e Alex Dusty. Il loro primo album è stato registrato in Brick Lane a Londra interamente con strumentazione e registratori vintage. Hanno suonato come band spalla per grippi comTelevision Personalities, Radio Moscow, Hatcham Social Club, Paul Weller e The Subways. Saranno loro ad aprire la serata al Traffic insieme ai Defectives, simpatico gruppo pogo-punk milanese attivo sulla scena da qualche anno.
THE BOYS (Uk) + The Wires + The Defectives live at Traffic (Punk Night)
Questa sera, domenica 8 settembre a partire dalle 21.30 
Traffic
Via Prenestina 738
00155 Roma

Segnaliamo anche Jennifer Gentle per venerdì 20 settembre 2013, Prima band italiana a firmare per la storica SUBPOP e una delle poche a calcare il palco del CBGB di New York, sicuramente tra le band indie italiane più apprezzate al mondo.

sabato 7 settembre 2013

Samcro Blues Band, progetto blues di Frank Marrelli al Vtwin PubBar Sabato 14 settembre

Samcro Blues Band è un trio blues composto da Frank Marrelli, che abbiamo già conosciuto come chitarrista sia degli Appetite For Distaction (tribute Guns'n'Roses) e sia nel progetto di musica hard rock e sleaze One Eyed Jack; da Jade Singer che degli One Eyed Jack è voce e da Andrea Fatica altra chitarra del gruppo. 
Sabato 14 settembre 2013 alle ore 20.00 terranno un concerto al Vtwin, locale situato a via Pontina 583.
Dalle ore 20 cena a buffet con prima consumazione 8€, insieme ai Samcro Blues Band .
Special Pub Birra e Cocktail 5 euro e Shortino a 2€.
Una serata di ottima musica, con il progetto Samcro Blues Band del poliedrico Frank Marrelli, un artista che non smette mai di stupire. 
Samcro Blues Band @ Vtwin
Sabato 14 settembre 2013 ore 20.00
Vtwin Pub&Bar
Via Pontina 583
 00128 Roma
Per cena si accettano prenotazioni al 329/6818417

I Radical Gypsy in concerto al Contestaccio il prossimo 15 settembre

I Radical Gipsy,ovvero Gabriele Giovannini e Daniele Gai alle chitarre con Giuseppe Civiletti al contrabbasso, tornano ad esibirsi dal vivo dopo qualche settimana di pausa. Il loro ritorno si terrà in uno straordinario e storico locale di Roma: il Contestaccio. I Radical Gipsy  si sono formati a Roma nel 2012, con un preciso orientamento verso le sonorità del jazz manouche tradizionale inaugurato da Django Reinhardt. 
Il loro percorso si è sviluppato tra i club romani e i festival, con importanti collaborazioni tra cui spicca quella con il fisarmonicista francese Ludovic Beier. Recentemente sono stati protagonisti di concerti anche in scenari suggestivi come il Parco di Castel Sant'Angelo, dove hanno avuto l'onore di suonare l'8 agosto.
 Insieme a composizioni originali e pezzi tradizionali, il trio porta in scena anche alcuni brani moderni arrangiati rigorosamente in chiave gipsy jazz. 
Una serata ancora di intense emozioni con i Radical Gipsy ed il jazz manouche.
Radical Gipsy Live @ Contestaccio
Domenica 15 settembre 2013 ore 22.30
Contestaccio
Via Di Monte Testaccio,65/B, 
00153 Roma
Ingresso Gratuito




Gli W.H.I.P. questa sera 7 settembre al Porky's di Frascati. Imperdibili come sempre!

A sorpresa questa sera gli W. H. I. P. - Wait Hell In Pain suoneranno al Porky's PUB Music LIVE di Via Don Bosco 41 a Frascati. Un live inatteso ma assolutamente imperdibile come sempre. Gli WHIP  nascono nel 2011.
 Da molto tempo parliamo di loro e  continuiamo con immenso piacere a parlare di loro; perché quando s'incontra gente giovane che sa fare musica è sempre un piacere. 
 Recentemente si sono raccontati anche a RomaSuonaBene, parlando anche dei loro progetti futuri. 
Vogliamo invitarvi a non perderveli questa sera  sabato 7 settembre 2013 al  Porky's PUB Music LIVE. Info al numero 3338746902

venerdì 6 settembre 2013

Il grande viaggio di Brusco arriva a Villa Adriana e...tutto è a posto!

"Il mondo non finisce mai...." recita una canzone di Brusco, come non finiva l'abbraccio immenso di Villa Adriana e della sua piazza nei suoi confronti. In un'epoca di incertezze, disillusioni ed incognite... il rap è una certezza! Il libero sfogo cantato e ritmato di tutti verso una società effimera ed insignificante e verso un potere troppo distante dalla gente. Brusco non fa rap, ma viene considerato un' icona nel mondo dei giovani amanti dell'hip hop, del rap e del g-funk, quasi un "king" del genere, rispettato dai principali rapper italiani sia affermati che emergenti. Eppure la sua musica è chiaramente raggaemuffin, ska e roots raggae. Ma il confine tra questi generi è molto esiguo. Il messaggio è sempre lo stesso: pace, libertà e amore. La critica sociale, la libertà di espressione e di pensiero, il diritto, oggi quasi negato o forse l'abitudine perduta di  "pensare" con la propria testa, non seguire mode e tendenze e non credere a ciò che i mass- media ci vogliono far credere.
Brusco si è esibito ieri sera (5 settembre) nel borgo di Villa Adriana, nel corso della prima sera di festeggiamenti della locale parrocchia di Santa Maria. Sul palco è stato anticipato dal giovanissimo ed interessante rapper romano Drago, una nuova promessa di questo genere molto in voga nella Capitale è che ha tirato già fuori grandi esponenti di questa musica in Italia come Flaminio Maphia, Cor Veleno, Frankie HI-NRG, Dj Tormento, Chef Ragoo, Neffa e molti altri...
Drago, molto conosciuto a Villa Adriana, espone una serie di pezzi splittati in maniera autoritaria e decisa. La grinta ce l'ha, anche la padronanza del palco (fondamentalmente necessaria per un rapper). I suoi pezzi parlano prettamente di amicizia (argomento spesso trattato nel rap italiano), della voglia di divertirsi e dell'amore per la musica qualsiasi essa sia. Notevole un pezzo dove il ritmo tipicamente rap viene fuso con la melodia di "Stairway to Heaven" dei Led Zeppelin, tanto per far capire che la musica davvero è l'unica cosa che non ha confini in questo mondo.
Brusco si presenta sul palco verso le 22.00, davanti ad una piazza gremita di tanti giovani, ma anche qualche meno giovane, che aveva voglia di divertirsi al ritmo del raggaemuffin. Per questa sera il palco è tutto per lui; non ci sono i Roots & Ska ad accompagnarlo come sempre ma solo il resident dj Marco, scelto dal comitato festeggiamenti per questa serata. Si erano conosciuti pochi minuti prima con Brusco. Nessuna prova, eppure l'intesa tra i due è stata eccezionale, quasi "troppo reattiva" come Brusco ha avuto modo di sottolineare durante il suo spettacolo.
La festa parte subito con "Solo GanjaBad con me" uno dei pezzi più cantati e ballati. Brusco intrattiene il pubblico oltre che con la musica anche con le idee: si intrattiene spesso a parlare di pace, di società, dell'importanza dei rapporti tra le persone in un mondo che sta cancellando e svuotando le persone. Parla dell'amicizia come una cosa da "custodire, mantenere e crescere, perché è una delle cose che rendono vivi ancora gli esseri umani", lancia piccole stilettate al potere al senso "distorto" di democrazia che si ha adesso, troppo lontano da quello degli antichi Greci che la democrazia l'hanno inventata. Invita tutti a leggere il "Discorso di Pericle agli Ateniesi" per capire qual'è la vera democrazia. Parla spesso d'amore, sia nei brani che nei discorsi che si susseguono tra un brano ed un altro. E' un artista sicuramente più maturo, ormai l'età avanza (come per tutti) ed i messaggi si fanno diversi: meno critica sociale, più proposte, meno ribellione più "sogni dal coltivare", perché i sogni prima o poi, se ci si crede si realizzano. E "si può anche cambiare il mondo" se lo si vuole ci tiene a dire più volte nel corso del concerto. 
La scaletta del concerto include i suoi più grandi successi: "Il Mondo è anche Mio", "Sotto i Raggi del Sole" (che riprende il successo di Edoardo Vianello "Abbronzatissima"; Vianello definito da Brusco un "suo grandissimo amico"), "I Sogni e Le Idee", tutti tratti dall'album "Si fa presto a dire... Brusco" del 2003, il primo di grande successo a livello nazionale per l'artista romano.
Poi ancora tratti dall'album "Amore Vero",pubblicato nel 2006 arrivano  "Sangue del mio Sangue"(grandissimo inno all'amicizia), "L'erba della giovinezza", "Amore Vero"(ballata in pieno stile raggae giamaicano con venature di calipso e di musica hawaiiana, molto bella e coinvolgente)
Tra le più attese c'è sicuramente la bellissima "Ti Penso Sempre" che fu insieme a  "Sotto i raggi del sole" uno dei tormentoni del 2003, entrambi firmati Brusco; e poi "Il mondo non finisce mai", un inno al viaggio ed alla visione di "cittadino del Mondo" che Brusco ha,da sempre, avuto... un po' come tanti altri artisti di questo genere musicale.
Vengono poi presentati in anteprima alcuni brani "a cappella" senza base musicale sotto, relativi all'ultimo album "Tutto Apposto" uscito quest'anno, in collaborazione con i Roots in the Sky. 
Un concerto della durata di circa un'ora e mezzo, che ha saputo regalare momenti di vero divertimento: Brusco ha invitato il pubblico a ballare e saltare alle sue canzoni più ritmate come "Sto Bene Qua" e "La Vita Chiama" o a lanciare le mani al cielo al ritmo della romantica "Amore Non So", fino alla coreografia chiesta al pubblico da Brusco al momento di "Giù Più Giù", dove gli spettatori vengono invitati ad abbassarsi tutti fino a terra andando "...più giù" per poi saltare al cielo con tutta la loro forza. Molti i momenti esilaranti creati dal cantante che racconta aneddoti, fa battute colorite e racconta i suoi pensieri e le sue opinioni senza censure,con la tipica schiettezza e sincerità romana che lo caratterizza.
A fine concerto si concederà a moltissime pose fotografiche con il pubblico, con grande soddisfazione di tutti.
La festa a Villa Adriana prosegue fino a domenica: questa sera spettacolo in costume e scenografie di "Gladiatori contro Celti" realizzato dalla locale associazione che si occupa far rivivere il mito della Roma Imperiale dell'epoca di Adriano. Poi domani sarà la volta della serata "Piper"con i grandi successi ballabili dagli anni '60 fino agli anni '90 in una serata che vedrà ospite uno dei protagonisti dell'ultima edizione di "Amici", Antonino. Domenica concerto dei Cugini di Campagna a chiudere la festa.
D.C.

giovedì 5 settembre 2013

I Crocodile il 12 Settembre in concerto al Blackout di Roma, per presentare "Crimes of Passion"

Tornano ad esibirsi in Italia i Crocodiles. Dopo il grande successo degli ultimi due dischi, 'Sleep Forever' e 'Endless Flowers', i CROCODILES hanno pubblicato il quarto album, "Crimes of Passion". Oramai i coccodrilli sono noti internazionalmente, e il sound è divenuto una costante di sferzate punk, shoegaze e romantiche ballate noise. Più melodici e attenti alle armonie che in passato, ma anche più potenti, rumorosi e consci dei propri mezzi. 'Crimes of Passion', in uscita per French Kiss e Zoo Music, si appresta a divenire l'ennesimo successo nella discografia della band di Brandon Welchez e Charles Rowell. Il nuovo lavoro dei Crocodiles lascerà il segno come per i precedenti, con un wall of sound degno di Phil Spector e con un retrogusto tra punk e sixties rock n' roll che fa pensare al romanticismo dei Ramones dell'immaginifico 'End Of The Century' e all'oscura privacy dei Jesus and Mary Chain.
I Crocodiles sono originari di San Diego, California, e attivi dal 2008. Il primo album "Summer of Hate" è stato un fulmine a ciel sereno capace di risvegliare l'interesse per le nuove band californiane come loro e i No Age. L'attenzione mediatica sulla band è stata da subito pressante e i Crocodiles hanno risposto con altri due album incredibili, "Sleep Forever" nel 2010 (prodotto da James Ford) ed "Endless Flowers" nel 2012.
I tour e i concerti si moltiplicano, portando il gruppo ovunque, e a suonare con importanti act. Durante il 2011 i Crocodiles hanno preso parte al tour europeo degli White Lies, fatto un headline tour sold-out in in Italia, e suonato nei più prestigiosi festival europei ed americani. La sferragliante miscela di ritmi proto disco, muri di suono e chitarre garage ha portato i Crocodiles a condividere tour anche con Holy Fuck e The Horrors.
I Crocodiles sono una delle band di punta della scena alternative americana, uniti a doppio filo anche dalla romantica relazione che lega Brandon Welchez a Dee Dee, cantante delle Dum Dum Girls e sex symbol indiscussa della scena indie statunitense.
CROCODILES LIVE @BLACKOUT ROCK CLUB
giovedì 12 Settembre 2013
al BLACKOUT di ROMA
prevendite su:
BLACK OUT ROCK CLUB
Via Casilina 713, 00177 Roma
INFOLINE – 06.24.15.047

Luca Carboni in concerto a Cerreto Laziale, il prossimo 14 settembre

Dall' 8 al 22 settembre 2013 come ogni anno si svolge nel comune di Cerreto Laziale in provincia di Roma la consueta festa in onore della a Madonna delle Grazie. Si tratta di una festività solenne molto suggestiva che ogni anno richiama molte persone. Anche quest'anno un ricchissimo programma di avvenimenti culturali, musicali, sportivi, folkloristici. Sabato 14 settembre si terrà la consueta "calata" il momento più commovente e solenne della festa, che consiste nello scoprire l’immagine della Madonna dall'Altare a lei dedicato, per poi esporla alla devozione dei fedeli. La sera del 14 il super-ospite musicale di questa edizione: Luca Carboni.
Il cantante bolognese terrà un concerto dalle ore 21.00, nel quale verranno riproposti i più grandi successi della sua oramai trentennale carriera. Infatti sono passati già 29 anni dal suo primo album " ...intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film" del 1984, che conteneva tra le altre tracce "Fragole buone buone" e "Ci stiamo sbagliando". Era poi il 1987 quando le radio passavano i pezzi del suo album, per molti, più bello "Luca Carboni" che conteneva "Silvia lo sai...", "Caro Gesù" e "Farfallina". E come dimenticare poi "Ci vuole un fisico bestiale" del dicembre 1991 ed il successivo album di successi strepitosi "Carboni" del 1992?
Insomma una grande strepitosa carriera, fatta di successi, pezzi fantastici con i quali molti amori sono nati e cresciuti, alcuni si saranno anche interrotti, ma chissà....
Comunque, rivivere la nostra adolescenza, gli anni del liceo e le prime nostre grandi avventure amorose, sarà possibile, sabato 14 settembre a Cerreto Laziale, con il concerto del grandissimo Luca Carboni.
Come arrivare a Cerreto Laziale
Cerreto è raggiungile da Roma percorrendo l'autostrada A24, uscendo a Castelmadama o tramite la SS5 Tiburtina attraversando Tivoli per percorrere poi la strada provinciale Empolitana.
LUCA CARBONI in concerto
Sabato 14 settembre 2013, ore 21,00
Cerreto Laziale- Roma
(all'interno dei festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie)

Live di Brusco a Villa Adriana questa sera.

Primo giorno di festeggiamenti a Villa Adriana (Tivoli) nel borgo di Santa Maria, e si comincia alla grande. Stasera nella  Piazza dell’Ex Mercato all'altezza di Via Galli si terrà il concerto di Brusco. Il raggaman capitolino sarà il primo super-ospite di questi quattro giorni di spettacolo, birre, eno-gastronomia, eventi religiosi, mostre e mercatini. Sabato 7 sarà la volta di Antonino, uno dei protagonisti dell'ultima edizione di "Amici" di Maria De Filippi. Si chiuderà domenica 8 settembre con gli intramontabili e sempiterni Cugini di Campagna, pittoreschi come sempre, a proporre il loro repertorio di successi che hanno oramai by-passato le ultime quattro generazioni.Appuntamento quindi da stasera fino a domenica: programmazione spettacoli alle 21.00 all'ex piazza Del Mercato (in via Galli 64). Ad accogliervi anche un mucchio di stand eno-gastronomici e di oggettistica varia. E per l'ultima notte immancabili i fuochi d'artificio. Inizio boom con il raggae del grandissimo Brusco.
BRUSCO in concerto
Stasera 5 settembre ore 21.00
Piazza dell’Ex Mercato (ang. Via Galli 64)
Villa Adriana -Tivoli

mercoledì 4 settembre 2013

Il 5 settembre una serata a ritmo brasileiro al Teatro Valle Occupato con i Conjunto Choroma

Il 5 settembre una serata a ritmo brasileiro al Teatro Valle Occupato 
Giovedì 5 settembre i Conjunto Choroma saranno in concerto al Teatro Valle Occupato di Roma con la loro musica molto brasiliera.
Il gruppo dei Conjunto Choroma, a discapito di quello che si può pensare è un progetto italianissimo che si é formato a Roma nel 2011 e si è conquistato un spazio significativo e di riferimento per far conoscere ed apprezzare un tipo di musica brasiliana ancora poco diffusa in Europa, lo choro. Composto dai chitarristi Massimo Aureli e Giulia Salsone, dal percussionista Massimiliano Natale e dalla virtuosa flautista Jennifer Clementi il gruppo Conjunto Choroma, vanta un repertorio molto ampio che spazia tra i migliori autori della musica choro come Pixinguinha, Azevedo, Nazareth e Jacob do Bandolim, che hanno fatto la storia di questa musica nata a Rio de Janeiro intorno al 1870, precedente al samba e che attualmente sta vivendo una rinascita in tutto il Brasile.
Conjunto Choroma
Giovedì 5 settembre 2013 ore 21.00
Teatro Valle Occupato
Via del Teatro Valle 21
Roma
Ingresso libero

Imperdibile Nick Cave & Bad Seeds all'Auditorium Parco della Musica.

Nick Cave & The Bad Seeds saranno a Roma il prossimo 27 novembre, per uno straordinario concerto alla Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica.
Il tour segue la recente pubblicazione del quindicesimo album dei Nick Cave & The Bad Seeds – “Push the sky away”, album terso, dolce in una maniera peculiare, che si basa sul rifiuto di accettare i limiti, sia intesi in senso strettamente musicale o lirico, sia intesi come restrizioni all’orizzonte spirituale delle cose. Nel suo cuore risiedono una naturalezza e un calore che lo rendono il disco più sottilmente affascinante fra tutti gli album dei Bad Seeds.
Nick Cave & The Bad Seeds
Venerdì 27 novembre 2013 Ore 21.00
Auditorium Parco della Musica
Viale Pietro de Coubertin, 30 
Roma
Biglietti: da 40 a 60 euro

Chiude col botto l'edizione 2013 di Frammenti a Frascati: l'8 settembre arriva Vinicio Capossela

E' stata la superstar più attesa dell'ultimo Concertone del Primo Maggio; lo scorso 15 agosto  ha entusiasmato piazza Plebiscito, a Ceglie Messapica (Br), nell'ambito del festival "La Ghironda", accompagnato dalla "Banda della Posta". A Cittanova (RC) è stato premiato per il suo tour come  Migliori Live d'Autore dell'anno. Vinicio Capossela è da sempre un artista che sa sorprendere: cantautore, polistrumentista e scrittore, vive la sua arte con un senso naif, fatto di tinte forti. Anti-divo per vocazione, la sua musica è una missione: raccontare storie semplici, sentimenti,favole...Debitore nella sua visionarietà poetica verso gran parte della letteratura del Novecento, Vinicio Capossela scrive musica per divertire e divertirsi, restando fondamentalmente un saltimbanco prestato alla musica, un personaggio fuori dalle righe e dagli schemi, cultore e conservatore di un modo di fare musica in Italia, quasi scomparso, riscoprendo il jazz d'autore che fece grandi i vari Paolo Conte, Nicola Arigliano, Renato Carosone, Fred Buscaglione ecc.
Domenica 8 settembre Vinicio Capossela sarà sul palco di Frammenti a Frascati con la Banda della Posta per lo spettacolo “Musica per sposalizi”. 
Un viaggio nella memoria che ricostruisce la storia delle origini musicali di Vinicio Capossela attraverso il repertorio e le storie della Banda della posta, un complesso musicale del paese di origine di Vinicio, Calitri. Un repertorio di mazurke, polke, valzer, passo doppio, tango, tarantella, quadriglia e fox trot, che era in fondo comune nell'Italia degli anni 50-60, e che si è codificato come una specie di classico del genere in un periodo nel quale lo "sposalizio" è stata la principale occasione di musica, incontro e ballo.
Un grande viaggio per ripercorrere la carriera di uno degli artisti italiani più originali e sensazionali di sempre.
Frammenti 2013 presenta:
Vinicio Capossela in concerto
Domenica 8 settembre 2013 ore 19,30
Parco di Villa Sciarra – Frascati
Via Fontana Vecchia
Biglietti: 21,50
Info: 3932300583; info@semintesta.it

 

martedì 3 settembre 2013

Il gruppo newyorkese dei Beach Fossils sarà al Circolo degli Artisti l'11 settembre.

Hanno scelto una data infausta per la loro città. Ma i newyorkesi Beach Fossils, sono artisti... e come tutti gli artisti hanno un solo motto: andare avanti e non pensare a nient'altro che alla musica.
Gruppo indie rock molto in voga ultimamente nel circuito indipendente, è formato da Dustin Payseur, Tommy Gardner, Jack Doyle Smith e Tommy Davidson. Hanno mosso i primi passi nella musica, tra i fumosi locali di Brooklyn nel 2009.Il loro singolo di debutto, "Daydream / Desert Sand" è stato pubblicato nel febbraio 2010 per la Captured Tracks . Nel maggio 2010, il loro omonimo album di debutto molto apprezzato dalla critica. Attualmente hanno all'attivo due album di studio: "Beach Fossils" (2010) e "Clash the Truth" (2013).
Mercoledì 11 settembre sarà la loro volta al Circolo degli Artisti: arriveranno per presentare proprio l'ultimo loro album ai fan italiani.
Il vero indie rock/alternative targato dall'ormai prestigiosa label Captured Tracks.
FSNCPS Live Experience presenta: 
BEACH FOSSILS LIVE AL CIRCOLO DEGLI ARTISTI
Mercoledì 11 settembre 2013 ore 21,30
Circolo degli Artisti
Via Casilina Vecchia, 42 
Biglietti: 8 euro
Info: 06/70305684 – info@circolodegliartisti.it

Nuovo live sul palco de Gli Argonauti per i BluK!

I migliori successi della musica internazionale reinterpretati in una personalissima chiave elettro/acustica da Emiliano Guiducci, cantante e bassista dei Kriya, poli strumentista e turnista in molte realtà di spicco del panorama underground della capitale e Maurizio Frangella, fondatore e chitarra solista dei Simposius nonché chitarrista degli Alaiyah. Un duo che da molti anni porta sui palchi della capitale un mix di generi che intrattiene il pubblico con sonorità soft e melodie easy listening.
Ingresso al concerto a soli € 3!
GLI ARGONAUTI
info e prenotazioni:
328.6213770
gliargonauticlub@gmail.com

lunedì 2 settembre 2013

Le Highway to Her inaugurano la nuova stagione del Jailbreak

Il tempio del rock romano, riaprirà i battenti il prossimo 5 ottobre. E per celebrare il ritorno della stagione dei grandi live, il Jailbreak Live Club offre una serata di grandissima musica ad ingresso libero... 
Protagonisti delle serata, anzi protagoniste: la straordinarie Highway to HER - The Only Italian All-Girl Tribute to Ac/Dc. La band di Kate Sale(voce anche degli W.H.I.P.), dalla passione per la straordinaria energia dei brani degli AC/DC e dall'intento di riproporre il loro repertorio con un tocco di femminilità. Ad oggi è l'unica tribute band del gruppo australiano composta da sole ragazze, che si trova in circolazione in Italia.  Con loro sul palco anche gli Ushas RockBand, per travolgervi sotto i colpi massicci del loro sound ! 
Ingresso per la serata rigorosamente libero, in un locale vestito di nuovo, per un grande ritorno alle origini.
Insomma ritorna il vecchio Jailbreak, quello fatto per farvi sognare, e con esso la grande musica live che da anni il locale sulla via Tiburtina sa regalare.
Partecipare è un must,divertivi  un obbligo per il locale....
Stay Rock n' Stay Jailbreak!
Jailbreak BACK TO ROCK.
Sabato 5 ottobre 2013 ore 21.00
Via Tiburtina 870
00157 Roma

T.A.O. Thy Alchemic Obscurity il nuovo progetto metal di Ida Elena De Razza al Traffic

Ha scelto non un giorno qualsiasi, ma venerdì 13.Ma niente paura, non ci sarà nessun Jason Voorhees che salta fuori con una motosega a tagliare in due la gente, ma solo musica, musica, musica. Metal per l'esattezza: gothic, power e progressive...ma comunque metal.Tre stili a confronto. Si parte con i TAO Thy Alchemic Obscurity. Frontman di questo progetto, anzi frontwoman di questo progetto è Ida Elena De Razza. Già conosciuta per essere cantante delle Dark Side Of Venus e Noir Sisters, Ida Elena da sempre è stata impegnata in progetti di medieval rock, folk e renaissance rock(Cantus Lunaris, Morning Star ecc.). Ora si presenta con questa nuova band, tutta votata al gothic metal. Con lei in questo nuovo progetto indipendente: Valentina De Iuliis alle tastiere,Davide Scifoni al basso,Antonio Bono alla batteria, Jean-Pierre Brunod alla chitarra. Special guests della band Albert Dannenmann(cornamusa / flauto / ghironda) e la soprano Gaby Koss. Nella stessa serata anche i fantastici RainFall! reduci da "Metalland" e "Oltre il Rock Festival"! ed i Forgotten Prisoners, gruppo Progressive Metal attivo dall'ottobre 2011.
T.A.O. - RainFall - The Forgotten Prisoners @ Traffic
Venerdì 13 settembre 2013 dalle ore 21.00 
Traffic Club Roma
Via Prenestina 738, 
00155 Roma

Shaunna Hall e Marco Bazzi insieme a Le Menade il 4 ottobre al Closer: imperdibile.

Shaunna Hall, (San Francisco Bay Area) chitarrista fondatrice delle "4 NON BLONDES" famose in tutto il mondo per il singolo "What's Up?"(che tutti conoscevano come "What's going on?" che ha venduto milioni di copie.Inoltre è compositrice, produttrice e Sound Design, chitarrista di George Clinton e p-Funk.
Shaunna Hall è inoltre stata in tour con George Clinton e Parliament Funkadelic dal 2002 girando Canada, Europa, Australia, Giappone, Fiji, Russia, Singapre, Malesia e Indonesia.Attualmente suona la chitarra per George Clinton e Parliament Funkadelic. E 'diventata un membro ufficiale della band nel 2007 dopo 5 anni di tour. Altri gruppi importanti sono Alcohol of Fame, The Eric McFadden Experience, e Storm, Inc. che furono molto riconosciuti con l'album "The Calm years" (2001) contenente otto composizioni di Hall. Shaunna ha pubblicato un progetto solista Electrofunkadelica, nel 2006, che presenta i membri del P-Funk ed è stato registrato per lo più, mentre sulla strada con il P-Funk tra il 2002 e il 2005.
Il tour che sta proponendo è l'evoluzione di Electrofunkadelica insieme al batterista Marco Bazzi e il tastierista Riccardo Di Paola. Stiamo parlando di una grandissima artista del panorama rock internazionale. Il 4 ottobre è attesa al Closer  Music Live Rock Club di via Vacuna per una serata, è proprio il caso di dirlo ad alta tensione. Marco Bazzi ha collaborato con Paula O'Rourke (Eric Burdon), James Whiton (Tom Waits), Dirty Santos, Tori Sparks, Gianna Nannini, Shaunna Hall (George Clinton, pFunk e 4 Non Blondes ) ed Eric McFadden (Eric Burdon ) con cui è in tour in Europa e negli Usa da 3 anni. Dopo un soggiorno negli Usa per il progetto “The Last Captains”, dal 2011 vive attualmte a Barcellona e suona con numerosi artisti tenendo una media di circa 100 concerti all'anno. Riccardo Di Paola è un musicista, arrangiatore e direttore musicale milanese che ha da sempre collaborato come turnista per importanti produzioni pop, reggae e soul. Questo progetto interessante lo vedremo all'opera il 4 ottobre al Closer in una serata che vedrà protagoniste anche le mitiche La Menade, le "signore"
del rock nostrano. Di loro si sa di tutto e di più: sono attive dal 2000 ed hanno all'attivo numerosissimi live in tutta Italia. Hanno all'attivo due album: un Ep, “Conflitti e Sogni”, nel 2005 (Load Up Records) ed il primo full lenght, “Male di Luna”, nel 2007, orgogliosamente autoprodotto.  Hanno realizzato due video "Strane Idee" e "Maledetta Me!" trasmessi da molte emittenti satellitari e non (All Music, Rock Tv, Music Nation Tv, Countdown, Magic Tv Italia, etc),  e partecipato a note trasmissioni televisive (da "Help" di Red Ronnie a Music@ 2007 su Rai1) nonché rilasciato  interviste e avuto passaggi radiofonici su innumerevoli emittenti nazionali e locali (da RaiRadio1 a Radio Rock). 
SHAUNNA HALL & MARCO BAZZI @Closer Club Roma + Guest LA MENADE
Venerdì 4 ottobre 2013 ore 21.30
"Closer" Music Live Rock Club
Via Vacuna 98
 00157 Roma

Presentato il cartellone degli eventi di settembre al Charity Café

Questa sera è subito Jam Session Blues dalle ore 22.00 con il chitarrista- cantante Tommaso Sciannella, accompagnato alla batteria da Mimmo Antonini e al basso da Lucio Carletti e chiunque altro voglia salire sul palco a suonare(se lo sa fare!!!)
La Jam Session night si ripeterà anche giovedì 5 settembre e poi ancora i giorni 9, 12,16,19,23,26 e 30 settembre.
Tra gli artisti jazz e del blues ci saranno questo mese: Andrea Molinari Trio (6 settembre), Roberta Vaudo Sings in Blues(sabato 7 settembre), The Crossing Trio (venerdì 13 settembre), Blues Factory (sabato 14), Hot Tunes (sabato 21) e Urban Street Blues Trio il 28 settembre. Insomma per gli appassionati del genere non rimane che da scegliere con le grandi serate live del Charity Café, tutte le sere dalle ore 22.00
Il Charity si trova in Via Panisperna, 68 - Rione Monti, 00184 Roma